Aumentano i controlli di polizia nelle stazioni per Pasqua

Ai viaggiatori si ricorda di prestare attenzione al proprio bagaglio, soprattutto durante le fermate del convoglio

La polizia ferroviaria ha predisposto dei controlli ancora più serrati per le feste pasquali. La questura di Catania ha diffuso anche una serie di indicazioni utili ai passeggeri per prevenire spiacevoli inconvenienti.

Durante la permanenza sui marciapiedi adiacenti ai binari non oltrepassare la linea gialla. Non attraversare i binari, ma servirsi sempre dei sottopassaggi. Non tentare di salire o scendere quando il treno è in movimento. Durante eventuali soste impreviste del treno lungo la linea ferroviaria seguire le indicazione del personale di bordo.

Per un viaggio sicuro, a tutti coloro che utilizzeranno il treno per i loro spostamenti si ricorda di prestare attenzione al proprio bagaglio, soprattutto durante le fermate del convoglio, ed evitare di lasciare incustoditi i propri oggetti di valore a bordo treno. Evitare di esporsi al rischio di furti o borseggi ponendo attenzione alle persone che con stratagemmi cercano di avvicinare i viaggiatori – ad esempio davanti alle emettitrici automatiche, è bene preparare il denaro per l’acquisto lontano da occhi indiscreti e le offerte di ausilio da parte di persone che potrebbero essere malintenzionate. Per questo motivo è bene evitare di affidare il proprio bagaglio ai facchini abusivi e rivolgersi soltanto a persone autorizzate al trasporto dei bagagli. Le stazioni ferroviarie dell’isola vedono ogni giorno il transito di circa 370 treni ed il passaggio di circa 35000 viaggiatori che in queste giornate aumenteranno ulteriormente. Le principali stazioni dell’isola fra le quali quella di Palermo, Messina e Catania sono luoghi di interesse che vanno al di là del semplice servizio di trasporto.

Presidiate giorno e notte, come tutte le altre grandi città, vedranno un’intensificazione dei dispositivi di sicurezza in relazione al maggior afflusso per le partenze pasquali. Saranno predisposti servizi straordinari con l’ausilio anche di unità cinofile. Le pattuglie sono dotate di smartphone di ultima generazione che possiedono un dispositivo per la lettura ottica dei documenti elettronici e la verifica immediata delle informazioni in banca dati, consentendo l’immediatezza delle informazioni, autonomia della pattuglia ed inviando in tempo reale nel sistema di Sala Operativa l’identificazione. In queste giornate i reati più ricorrenti sono i furti e le truffe. E’ buona norma prestare maggiore attenzione e tenere a mente che i “professionisti del furto” tendono a sfruttare eventuali momenti di distrazione (durante la consultazione dei tabelloni orari o l’utilizzo delle macchinette self-service) situazoioni di assembramento di persone od oggetti (cartoni o abiti) per occultare i movimenti delle proprie mani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento