Dipendente di ristorante utilizza la carta di credito di un cliente

L’indagato era un dipendente di un ristorante etneo e per dissidi di natura economica con il suo datore di lavoro aveva deciso di fotografare con il proprio smartphone la carta di credito di un ignaro cliente, utilizzando i codici qualche giorno dopo per l’acquisto su internet di vari beni e per scommesse

La Polizia Postale di Catania ha denunciato in stato di libertà un catanese di anni 21, incensurato, ritenuto responsabile di utilizzo fraudolento di carta di credito.

L’indagato era un dipendente di un ristorante etneo e per dissidi di natura economica con il suo datore di lavoro aveva deciso di fotografare con il proprio smartphone la carta di credito di un ignaro cliente, utilizzando i codici qualche giorno dopo per l’acquisto su internet di vari beni e per scommesse. Tutti gli acquisti illeciti erano stati compiuti immettendo come nome utente loammettosonoio.

La Polizia di Stato, con una nota, ricorda ai titolari di carte di credito di non cedere mai la propria carta ad altre persone e di seguire sempre attentamente le operazioni che l’esercente compie.

In particolare:

• La tessera: non deve essere persa mai di vista;

• Estratto conto: controllarlo ogni mese poiché è l'unico modo per accorgersi di eventuali spese mai effettuate;

• Addebiti impropri: se vi arriva un estratto conto con addebiti impropri è bene denunciare alle forze dell'ordine la clonazione della carta, disconoscendo le spese addebitate;

• Internet: nel caso di acquisti sul web verificare se la pagina del sito è sicura (contrassegnata cioè da un lucchetto posto sulla parte inferiore dello schermo). Se così non è si corre il rischio di vedersi rubare i dati

• E-mail: se vi arrivano messaggi di posta elettronica dove vi si chiedono dati sensibili relativi alla vostra carta di credito o al conto corrente non bisogna rispondere a nessuna richiesta. E' necessario avvertire la banca o le forze dell'ordine avendo l'accortezza di non cancellare l'e-mail.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento