Rifiuti, la Regione da l'ok all'apertura della discarica di Siculiana

Venerdì prossimo aprirà la discarica di Bellolampo, che servirà la Sicilia occidentale, e la prossima settimana quella di Siculiana, destinata alla parte centrale dell'isola

Alla fine è arrivato l'ok da parte della Regione per l'apertura della discarica di Siculiana, che servirà la Sicilia orientale. Il presidente Rosario Crocetta ha chiamato il sindaco di Catania Enzo Bianco per comunicandogli che venerdì prossimo aprirà la discarica di Bellolampo, che servirà la Sicilia occidentale, e la prossima settimana quella di Siculiana, destinata alla parte centrale dell'isola.

Bianco ha ringraziato Crocetta dopo i disagi di questi giorni e le preoccupazioni espresse a partire dal 6 luglio scorso, quando era risultato evidente che la discarica di Coda Volpe, dove vengono depositati i rifiuti indifferenziati di Catania, fosse stata saturata dopo l'ordinanza regionale che consentiva il conferimento ad altri Comuni della Sicilia centrale e occidentale. Bianco, nelle vesti di sindaco metropolitano, aveva convocato ieri nel Palazzo Minoriti i primi cittadini di tutti i comuni della Catania metropolitana per fare il punto della situazione in difesa del territorio.

Nel frattempo la Regione ha approvato l'istituzione dell'ufficio speciale per la differenziata. Sotto il coordinamento del Dipartimento Acqua e rifiuti, opererà come supporto alle amministrazioni comunali per la corretta impostazione e la piena attuazione degli obiettivi di incremento della raccolta differenziata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento