Albanese irregolare espulso dalla digos etnea in aereo

Gli agenti della Digos lo hanno portato in questura avviando l’iter per l’espulsione, con divieto di fare rientro in Italia per tre anni

L'albanese K.I. era particolarmente accorto nel non trattenersi sul territorio nazionale oltre i 90 giorni previsti dalla legge, in maniera tale da non essere rimpatriato. Difatti, la normativa sui soggiorni di breve durata, prevede che gli stessi siano per motivi di studio, visite, affari e turismo. L'uomo invece, faceva ingresso e uscita in Italia costantemente dalla frontiera marittima di Brindisi per ben altri motivi. Nella giornata di lunedì, gli agenti della Digos, una volta accertato che dimorava in una modesta abitazione sita nelle campagne di Santa Venerina, lo hanno portato in questura avviando l’iter per l’espulsione, con divieto di fare rientro in Italia per tre anni. E' stato quindi rimpatriato in aereo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento