Etna, M5S: "Il monopolio favorisce la corruzione, il Governo ritiri le licenze"

"Mesi fa avevamo denunciato irregolarità e criticità sul concorso per guide vulcanologiche sull'Etna" lo dice la deputata Schillaci Che ha presentato un'interpellanza all'Ars per chiedere il ritiro delle licenze

Foto archivio

Mesi fa avevamo denunciato irregolarità e criticità sul concorso per guide vulcanologiche sull'Etna insieme a un modus operandi volto ad avvantaggiare concorrenti vicini ai componenti della commissione d'esame. Avevamo chiesto al Governo di assumere una posizione netta, costituendo una commissione di indagine e sospendendo gli esiti delle prove, dal momento che la magistratura aveva aperto un fascicolo. L'unica risposta ricevuta dall'assessore regionale al Turismo, in aula, è stata che le verifiche dei suoi uffici, che avevamo interpellato la commissione, finita nel mirino della magistratura, 'non erano emersi tali da giustificare l'adozione dei provvedimenti che avevamo richiesto e che l'iter era terminato e le licenze consegnate”. Lo dice la deputata regionale del M5s, che,dopo l'inchiesta della Procura di Catania sull'affidamento della gara per escursioni, ha presentato un'interpellanza all'Ars per chiedere al Governo regionale di ritirare le licenze "indebitamente ottenute dai vincitori del concorso guide vulcanologiche".

Per Foti “si tratta di un provvedimento necessario a restituire credibilità all’operato delle istituzioni e garantire l’imparzialità della Pubblica amministrazione" che "stando ai fatti – afferma la parlamentare - risulta compromessa”. Le fa eco la deputata regionale del M5S e componente della commissione Antimafia dell'Ars Roberta Schillaci, che aggiunge: “La gestione monopolistica dell'economia siciliana favorisce fenomeni corruttivi e forme di collusione, che frenano lo sviluppo in particolare di uno dei comparti chiave per la crescita del Pil e degli occupati in Sicilia”. “Ritengo opportuno, dal momento che l'Antimafia regionale da quest'anno indaga anche fenomeni di corruzione – prosegue - procedere a una vera e propria bonifica degli uffici che sovraintendono il rilascio di concessioni perché il dipendente infedele, che si macchia di questi reati arreca un danno enorme ai tanti siciliani, sempre più spesso costretti a lasciare questa terra”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È chiaro che le aziende coinvolte in eventuali inchieste vanno preservate, il personale tutelato, e affidate a una task force di figure tecniche che possano scongiurarne la chiusura”. Infine, Schillaci ricorda che “in materia turistica, mesi fa, il M5S ha presentato un ddl”. “Ci chiediamo - conclude- che fine ha fatto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento