Fisascat Cisl, Abate spa annuncia licenziamenti anche a Catania

La società Roberto Abate spa, che opera nella grande distribuzione dal 1979 con i marchi "Famila", "A&O" e "Ard" e che occupa più di 900 dipendenti, ha annunciato il licenziamento collettivo di 175 addetti nelle province di Catania, Messina, Siracusa ed Enna

La società Roberto Abate spa, che opera nella grande distribuzione dal 1979 con i marchi "Famila", "A&O" e "Ard" e che occupa più di 900 dipendenti, ha annunciato il licenziamento collettivo di 175 addetti nelle province di Catania, Messina, Siracusa ed Enna. Lo rende noto la Fisascat Cisl Sicilia.

"Abbiamo già provveduto a richiedere un incontro per esperire l'esame congiunto - dice la segretaria regionale della Fisascat Cisl Sicilia Mimma Calabró - nel corso del quale affronteremo la questione cercando dei percorsi a salvaguardia dell'occupazione, anche attraverso il ricorso agli ammortizzatori sociali".

"Nonostante le gravi criticità comunicateci attraverso la procedura, riteniamo che si possano e si debbano trovare strade alternative ai licenziamenti del personale - prosegue - Da quanto si evince dalla comunicazione, per la società la grossa perdita di fatturato registrata negli ultimi anni è da imputare sia all'impoverimento della popolazione locale che all'aggressiva campagna di concorrenza venutasi a creare recentemente con l'apertura di nuovi punti di vendita di grandi catene internazionali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ribadiamo la necessità di avviare confronti tra sindacati, associazioni datoriali, gli assessorati regionali alle Attività produttive, al Lavoro ed Enti locali così da coniugare al meglio le opportunità che scaturiscono dalle aperture di nuovi esercizi commerciali con interventi che comunque non compromettano la continuità degli esercizi commerciali già esistenti sul territorio". "Il nodo della questione è sempre lo stesso - conclude Calabrò - facilitare ogni percorso che porti attraverso la sana imprenditoria a nuova occupazione senza dimenticare che abbiamo il compito di tutelare l'occupazione già esistente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento