Vertice in comune contro le spaccate: si cercano soluzioni "a prova di ladro"

Il rischio che corrono in molti è quello di dover dover trasferire altrove la propria bottega per mancanza di sicurezza in centro

I furti nei negozi messi a segno con le “auto-ariete” si sono susseguiti nelle ultime settimane, gettando nel panico i commercianti catanesi che cercano una soluzione definitiva per tenere alla larga i malintenzionati. Il rischio che corrono in molti, oltre al danno subito per le riparazioni, è quello di dover dover trasferire altrove la propria bottega per mancanza di sicurezza in centro. “Si tratta di gruppi perfettamente organizzati che agiscono in pochi minuti- afferma Salvatore Tomarchio, presidente della commissione al Patrimonio - le forze dell’ordine, con arresti e indagini, stanno dando un segnale importante all’intera cittadinanza. Ma da solo non basta”.

VIDEO - LE PROPOSTE CONTRO I FURTI

Da qui la proposta di istituire una commissine apposita con lo scopo di cercare dei rimedi immediati, come ad esempio lo snellimento delle pratiche per l'installazine dei paletti dissuasori. “ Serve un piano di sicurezza che nasca con la collaborazione di tutti i soggetti interessati- spiega il vice presidente della commissione Ersilia Saverino - l’incontro di oggi è un punto di partenza per dimostrare la vicinanza delle forze politiche e sociali a tutti i commercianti, dal centro alle periferie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento