Cavi di rame bruciati a Librino, un arresto della polizia

Sul posto è stata trovata una matassa di rame ed altri cavi per un peso di circa 250 chili

La polizia di Stato ha arrestato il pregiudicato catanese Francesco Volpe per ricettazione di rame e combustione di materiale pericoloso. Gli agenti del commissariato Librino, transitando per viale Moncada, hanno notao in cielo una densa colonna di fumo nero in prossimità di un casolare abbandonato a circa 50 metri dalle abitazioni di viale Moncada 16.

Gli agenti hanno notati un furgone bianco e tre soggetti, uno dei quali veniva rincorso e bloccato mentre gli altri si dileguavano. Sul posto è stata trovata una matassa di rame, per un peso pari a circa 50 chili, priva della guaina che era stata rimossa proprio mediante il fuoco appiccato lì vicino, mentre, all’interno del furgone c'erano altri 200 chili di cavi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento