Suicidio a Giarre, disoccupato si toglie la vita in strada

Era originario della provincia di Cagliari e aveva 47 anni. Senza un lavoro, aveva aiutato gratuitamente il candidato della lista Cantiere Popolare. Dopo la campagna elettorale, la disperazione: "Mi voglio uccidere", scriveva via sms

Aveva aiutato Pippo Scuto - il politico, candidato nella lista Cantiere Popolare a sostegno di Nello Musumeci - durante la recente campagna elettorale. Gli aveva aperto anche un profilo Facebook "Amici di Pippo Scuto" senza essere pagato, così come racconta il politico a Repubblica. Dopo la chiusura delle elezioni, la disperazione. Era alla ricerca di un posto di lavoro e, invece, questo 47enne - originario della provincia di Cagliari -da giorni era chiuso nella sua casa di Giarre e lanciava messaggi di aiuto: "Mi voglio uccidere", scriveva via sms a Pippo Scuto.

Ieri mattina, verso le 7,30, ha portato fuori un braciere, si è stretto un laccio delle scarpe attorno al collo e una corona del rosario tra le dita e si è impiccato alle grate del portoncino che si affaccia su una stretta stradina nel centro di Macchia, una frazione di Giarre. A trovarlo qualche minuto dopo è stata un'anziana vicina di casa. Ma non c'è stato niente da fare. È morto asfissiato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento