Giarre, giovedì 8 novembre si inaugura il nuovo centro disabili Aias

La nuova struttura ha una superficie di 700 metri quadri, è disposta su un unico piano e, oltre ad essere un esempio di edilizia ecologica, garantirà elevati comfort e assistenza

Giovedì 8 novembre, alle 15.30, a Giarre in via Luigi Orlando si terrà la cerimonia ufficiale di inaugurazione del nuovo centro di riabilitazione per disabili dell'AIAS Sezione di Acireale. Il taglio del nastro e la benedizione, che verrà impartita dal Vescovo della Diocesi acese Mons. Antonino Raspanti, rappresentano un momento importante e molto atteso per i disabili della città e per i loro familiari.

Alla cerimonia di inaugurazione parteciperanno, tra gli altri, il Presidente della Sezione AIAS di Acireale, Armando Sorbello, il Presidente d'onore dell'AIAS Nazionale, ing. Francesco Lo Trovato, il sindaco della città di Giarre dott. Angelo D'Anna e le autorità civili e militari. Il taglio del nastro sarà a cura dei figli della fondatrice della Sezione acese dell'AIAS Teresa Badalà Vigo a cui sarà intitolato il centro. La nuova struttura di Giarre è stata realizzata dall'AIAS di Acireale per sostituire l'attuale sede dell'ambulatorio di via Regina Pacis. L'AIAS acese in convenzione con l'ASP di Catania opera a partire dal 1967 ad Acireale e successivamente, nel 1974, ha dato vita al centro riabilitativo di Giarre, dove effettua prestazioni ambulatoriali con potenzialità per 76 persone con disabilità. La nuova struttura di via Luigi Orlando ha una superficie di 700 metri quadri, è disposta su un unico piano e, oltre ad essere un esempio di edilizia ecologica, garantirà elevati comfort e assistenza. Il sistema costruttivo utilizzato è infatti con struttura portante a pannelli in legno massiccio x-lam, travi in legno lamellare e coibentazione in materiale naturale, per garantire sostenibilità ed efficienza energetica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento