Guida in stato di ebbrezza con inseguimento: denunciato

La polizia stradale ha fermato un 23enne pregiudicato catanese dopo un rocambolesco inseguimento ad Aci Castello

La polizia ha denunciato un uomo per guida in stato di ebbrezza e resistenza a pubblico ufficiale e un altro per resistenza a pubblico ufficiale. La polizia stradale ha svolto servizi mirati al controllo del traffico nelle zone della cosidetta "movida", in particolare nel comune di Aci Castello e nel tratto della strada statale 114 in corrispondenza del centro abitato. Venerdì e sabato notte, sono state controllate diverse autovetture, con conducenti e passeggeri, in occasione di uno di questi controlli di polizia, verso l’una della notte tra sabato e domenica, è stato intimato l’alt ad una autovettura Suzuki, che aveva effettuato un momento prima alcune pericolose manovre. Il conducente, alla vista degli agenti, anziché fermarsi, ha invece accelerato l’andatura e proseguito la marcia in direzione Acireale, continuando a compiere una serie di pericolose manovre di sorpasso dei numerosi altri veicoli in quel momento in lenta marcia per il traffico intenso, nonché, creando grave pericolo per il transito dei pedoni. La pattuglia si è messa subito all’inseguimento ed è riuscita, con non poche difficoltà, ad affiancare la Suzuki e a costringerla a fermarsi dopo alcuni chilometri, nella zona di Capomulini. Alla guida vi era un 23enne pregiudicato catanese, accompagnato da un altro giovane 19enne anch’egli pregiudicato. I due sono stati subito bloccati, dopo aver tentato la fuga anche a piedi. Il controllo con etilometro ha evidenziato che il conducente aveva alzato un po’ il gomito, superando i limiti di legge. Trattandosi inoltre di un neo patentato, il cui valore massimo di alcolemia consentito è pari a zero, gli è stata inflitta la sanzione prevista aumentata  di un terzo. Entrambi i giovani sono stati denunciati anche per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, mentre a carico del conducente sono state elevate anche altre numerose contravvenzioni stradali, a seguito delle ripetute manovre pericolose commesse sia prima sia durante l’inutile e pericolosa fuga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento