Immigrazione, Anastasi dopo l'ennesima tragedia: "Rimuovere la bandiera dell'Europa"

Il consigliere comunale di "Grande Catania" ritiene "opportuno esprimere un atto di dissenso forte con una forma di protesta estrema: la rimozione della bandiera dell'Unione Europea dall'aula del Consiglio Comunale". "Non mi sento di far parte di questa Europa" aggiunge

Dopo l'ennesimo sbarco nel Canale di Sicilia divenuto tragedia, l'Europa cerca nuove soluzioni per potenziare l'operazione Triton e neutralizzare l'azione criminale degli scafisti. Catania è tra le città della Sicilia a vivere in prima persona le vicende del Mediterraneo che racconta , giorno dopo giorno, storie di morte. Per questo motivo il consigliere comunale Sebastiano Anastasi ribadisce l'esigenza di alzare i toni nei confronti dell'Unione Europea per dare un segnale importante e lancia la provocazione: "Rimuovere la bandiera dell'Ue dall'aula consiliare".

"La situazione che si vive ora nella nostra città ha del paradosso. - dichiara il consigliere di Grande Catania -  In questo momento di continui sbarchi e di immani tragedie umanitarie la paura è che a Catania si possa creare un mix di sentimenti tra i cittadini che, dalla profonda sensibilità e commozione, possa “deviare” verso l’ assuefazione a questa emergenza. Come se tutto ciò diventi routine e prevalga un senso di rassegnata sopportazione. Da catanese e consigliere comunale ho la sensazione e, al tempo stesso, la paura che l’Europa voglia relegare l’Italia ad una terra di stragi del mare e di sbarchi. Un timore a cui si aggiunge quello di possibili tensioni sociali in una Sicilia dove la popolazione vive una crisi economica senza precedenti e dove migliaia di famiglie non riescono ad arrivare a fine mese. Il volontariato e la cittadinanza catanese sta dando il massimo da anni a sostegno di chi giunge sfruttato e miracolosamente vivo sulle nostre coste ma occorre che anche le istituzioni locali battano un colpo vibrante per quel di competenza.  Pertanto il sottoscritto il consigliere Comunale di “Grande Catania” Sebastiano Anastasi, qualora non ci fossero cambiamenti radicali con misure concrete ed evidenti in questa situazione di emergenza, ritiene opportuno esprimere un atto di dissenso forte con  una forma di protesta estrema: la rimozione della bandiera dell’Unione Europea dall'aula del Consiglio Comunale di Catania. Poiché, in questo momento, non mi sento di far parte di questa Europa,più economica che dei popoli, che resta alla finestra a guardare l’Italia e la Sicilia senza muovere un dito."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento