Impianti pubblicitari abusivi, in azione una task force per rimuovere i cartelloni

L'assessore al Patrimonio Giuseppe Girlando ha annunciato la rimozione degli impianti di cartellonistica stradale privi di autorizzazione ma anche di quelli che non rispettano le prescrizioni del codice della strada

“Grazie alle speciali macchine e agli uomini messi a disposizione del Comune da Aapi e Aspes, in sole tre ore sono stati smontati otto impianti abusivi. Senza questa task force per ottenere lo stesso risultato sarebbero stati necessari tre giorni di lavoro”. E' il commento dell’assessore al Patrimonio Giuseppe Girlando che ha annunciato la rimozione degli impianti di cartellonistica stradale privi di autorizzazione ma anche di quelli che non rispettano le prescrizioni del codice della strada.

L’utilizzo della task force era previsto nel protocollo d’intesa siglato il 22 maggio di quest’anno tra l’Amministrazione, l’Associazione aziende pubblicitarie italiane e l’Associazione siciliana pubblicità esterne. “All’inizio del 2015 – ha spiegato Girlando – dopo una fase di concertazione, presenteremo all’Assemblea cittadina le nostre proposte. I punti qualificanti saranno gare pubbliche, salvaguardia del decoro urbano, lotti di ridotta dimensione per evitare posizioni dominanti e innovazione tecnologica”. L'accordo sottoscritto in maggio prevede infatti un efficace sistema di localizzazione satellitare che permetterà il costante monitoraggio di tutti gli impianti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Riprenderemo dopo le feste con l’azione di eliminazione dei cartelloni abusivi. Favorendo il rispetto delle regole, tutto questo comporterà maggiori introiti, visto che gli abusivi non versano tasse di affissione. Gli impianti sequestrati saranno custoditi con estrema attenzione per evitare che possano essere, come avvenuto in passato, rubati dai depositi e riutilizzati. Inoltre, trascorsi i sessanta giorni previsti dalla legge, saranno definitivamente confiscati per essere distrutti o acquisiti al patrimonio comunale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento