Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca

"L'isola che non si arrende", ancora in mostra ad Acireale

Prorogata fino al 7 aprile l'esibizione che ha registrato oltre 1700 visitatori alla galleria del Credito Siciliano

Dopo aver ospitato oltre 1800 visitatori, la mostra "L'Isola che non s'arrende. 1968-1969", curata dalla Fondazione Domenico Sanfilippo editore e attualmente esposta alla Galleria Credito Siciliano di Acireale (Palazzo Costa Grimaldi, Piazza Duomo 12), verrà prorogata fino al prossimo 7 aprile. Il percorso espositivo - realizzato in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Catania, la Fondazione Oelle e con l'art consulting della Fondazione Gruppo Credito Valtellinese - si propone di documentare il biennio ’68-’69 in Sicilia con una prospettiva inedita utilizzando il patrimonio dell'archivio del quotidiano "La Sicilia".

Ad accogliere il visitatore nella prima sala è la sezione dedicata allo spaventoso terremoto che nella notte tra il 14 e il 15 gennaio 1968 devastò la valle del Belìce, provocando 231 morti e circa 600 feriti. Vengono qui esposte alcune immagini realizzate dai fotoreporter de "La Sicilia" che si susseguirono in quelle difficili settimane affiancando nei reportage i reporter Candido Cannavò e Tony Zermo. Proprio quest'ultimo è protagonista di una video-intervista, tra i contenuti più apprezzati della mostra. «La sua testimonianza - scrive una visitatrice nel libro dei commenti - è stata particolarmente toccante con le sue considerazioni amare sia sul passato sia sul presente».

In galleria, durante questo mese di esposizione, si sono rintracciati ricordi e memorie di molti visitatori che hanno vissuto in prima persona quei momenti: non solo sopravvissuti, ma anche un medico che durante il terremoto del Belice era tra i volontari a prestare soccorso. A suscitare riflessioni sull'Isola che non s'arrende sono pure le immagini delle contestazioni studentesche e le testimonianze delle attività dei giovani di allora. La seconda sala espone infatti, oltre alle foto dell’occupazione di Palazzo Centrale a Catania del 29 febbraio 1968, sette edizioni del supplemento de La Sicilia Vent’anni. Il foglio dei giovani” e due edizioni di “Sicilia Studenti”.

Ad arricchire la sezione la video-intervista ad Antonio Di Grado, ordinario di Letteratura Italiana all'Università di Catania e a Don Antonio Giacona, dal 1987 al 2017 missionario in Cile e docente dell’Università Cattolica di Santiago. Entrambi nel ’68 aderirono alla proposta di Gioventù Studentesca, dedicandosi all’attività del dopo-scuola nel quartiere di San Cristoforo e denunciando la situazione di povertà e analfabetismo del rione popolare in un’inchiesta pubblicata nel 1970 dalla casa editrice Jaca Book. «La realtà siciliana - commenta un altro visitatore - è complessa. Le tragedie naturali, i conflitti sociali sono aspetti diversi di condizioni di vita difficili. Le esperienze giovanili solo sogni che non si avverano? Oppure impegni che contribuiscono ad affrontare i drammi?» L’ultima sezione della mostra è infine riservata ai fatti di Avola del 2 dicembre 1968 che provocarono la morte di due braccianti. Sono previste visite guidate e laboratori per le scuole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'isola che non si arrende", ancora in mostra ad Acireale

CataniaToday è in caricamento