La polizia postale di Catania scopre finto 12enne che adescava minorenni in chat

Così facendo sarebbe riuscito ad entrare in contatto con altre "coetanee" chiedendo loro di spogliarsi davanti alla webcam

Sassarese 43enne indagato dalla Procura di Caltanissetta nell'ambito di un'indagine su reati pedopornografici condotta dalla Polizia postale di Catania.

Secondo il quotidiano la Nuova Sardegna l'uomo, incensurato, si fingeva dodicenne per adescare minorenni in chat attraverso un programma informatico che al momento dell'invio dei messaggi modifica l'aspetto reale della persona trasmettendo alle potenziali vittime un volto differente.

In questo caso - precisa La Nuova - l'uomo appariva con il volto di una ragazzina di 12 anni. Così facendo sarebbe riuscito ad entrare in contatto con altre "coetanee" chiedendo loro di spogliarsi davanti alla webcam. Gli inquirenti sono piombati a casa del 43enne e hanno sequestrato smartphone, tablet, pc e altri hardware.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento