Lite in famiglia a Nesima, 43enne colpito in testa con un mestolo

Stava per finire in tragedia una normale cena in famiglia a Nesima, dopo un litigio dai toni esasperati. Il fratello minore di 38 anni si è scagliato contro il maggiore di 43, colpendolo ripetutamente alla testa con un mestolo d'acciaio

Stava per finire in tragedia una normale cena in famiglia a Nesima, dopo un litigio dai toni esasperati. Il fratello minore di 38 anni si è scagliato contro il maggiore di 43, colpendolo ripetutamente alla testa con un mestolo d’acciaio. Solo l’arrivo dell’equipaggio della gazzella del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale, intervenuta dopo una segnalazione al 112 fatta dagli stessi familiari, ha scongiurato l’irreparabile. L’uomo, dopo una breve colluttazione, è stato bloccato ed ammanettato mentre la vittima, trasportata d’urgenza all’Ospedale Vittorio Emanuele, è stata ricoverata in prognosi riservata per un “trauma cranico con stato soporoso e ferita lacero contusa alla regione frontale ed al cuoio capelluto”. Al momento non versa in pericolo di vita. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza con l’accusa di lesioni gravi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento