Conservava pistole e fucili della madre morta, denunciata

La signora era deceduta nel 2011 e le armi erano state trasportate presso la casa della figlia nel comune di Trecastagni

Nei giorni scorsi, personale del commissariato Borgo Ognina, insospettito dall’età anagrafica di una signora del 1922 che risultava detenere presso il proprio domicilio di Catania, 8 pistole, 12 fucili e 2 coltelli antichi, ha svolto opportune indagini a seguito delle quali è emerso che detta signora era deceduta nel 2011 e le armi erano state trasportate presso la casa della figlia nel comune di Trecastagni.

Per tale motivo si è proceduto al sequestro penale delle armi ai fini della confisca e ad indagare in stato di libertà per detenzione illegale la figlia della deceduta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento