rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Mafia, eseguiti ordini di carcerazione per 11 esponenti del clan "Santapaola-Ercolano"

I provvedimenti nascono nell'ambito dell'attività di indagine “Kronos”, coordinata dalla Procura e svolta del Ros di Catania nel 2016: sotto la lente degli inquirenti erano finite alcune “squadre” operanti nei vari quartieri catanesi e nei paesi della provincia

Su delega della Procura Generale di Catania, nei giorni scorsi, i carabinieri della “Squadra Lupi” del Nucleo Investigativo del comando Provinciale etneo, insieme ai colleghi della compagnia di Palagonia e del comando provinciale di Siracusa, in esecuzione di 11 ordini di carcerazione emessi dall’Ufficio esecuzioni penali della Procura Generale, hanno arrestato secondo quanto confermato da sentenza di condanna irrevocabile: Rosario Bontempo Scavo di 33 anni, che dovrà espiare la pena di 8 anni di reclusione in quanto riconosciuto colpevole del reato di associazione mafiosa pluriaggravata; Benito Brundo di 40 anni, che dovrà espiare la pena di 10 anni di reclusione in quanto riconosciuto colpevole dei reati di associazione mafiosa pluriaggravata, nonché di plurime estorsioni pluriaggravate; Pierpaolo Di Gaetano di 42 anni, che dovrà espiare la pena di 8 anni e 2 mesi di reclusione in quanto riconosciuto colpevole dei reati di associazione mafiosa pluriaggravata, nonché detenzione illegale di armi; Cosimo Davide Ferlito di 50 anni, che dovrà espiare la pena di 11 anni e 4 mesi di reclusione in quanto riconosciuto colpevole dei reati di associazione mafiosa pluriaggravata, detenzione illegale di armi pluriaggravata, plurime estorsioni pluriaggravate, nonché tentata estorsione pluriaggravata; Antonino Galioto di 57 anni, che dovrà espiare la pena di 8 anni e 8 mesi di reclusione in quanto riconosciuto colpevole del reato di associazione mafiosa pluriaggravata; Carmelo Oliva di 48 anni, che dovrà espiare la pena di 10 anni e 6 mesi di reclusione in quanto riconosciuto colpevole dei reati di associazione mafiosa pluriaggravata, plurime estorsioni pluriaggravate, nonché tentata estorsione pluriaggravata; Febronio Oliva di 60 anni, che dovrà espiare la pena di 10 anni di reclusione in quanto riconosciuto colpevole del reato di associazione mafiosa pluriaggravata; Giovanni Pappalardo di 47 anni, che dovrà espiare la pena di 10 anni e 10 mesi di reclusione in quanto riconosciuto colpevole del reato di associazione mafiosa pluriaggravata; Giovanni Pinto di 45 anni, che dovrà espiare la pena di 6 anni e 8 mesi di reclusione in quanto riconosciuto colpevole dei reati di associazione mafiosa e detenzione illegale di armi; Salvatore Russo di 47 anni, che dovrà espiare la pena di 8 anni di reclusione in quanto riconosciuto colpevole del reato di associazione mafiosa pluriaggravata; Giuseppe Simonte di 41 anni, che dovrà espiare la pena di 9 anni e 8 mesi di reclusione in quanto riconosciuto colpevole dei reati di associazione mafiosa e detenzione illegale di armi, nonché di ricettazione.

L’attività d’indagine denominata “Kronos”, coordinata dalla Procura fistrettuale e svolta del Ros di Catania nel 2016, aveva riguardato alcune “squadre” operanti nei vari quartieri catanesi e nei paesi della provincia, appartenenti alla famiglia “Santapaola-Ercolano” dell’associazione di tipo mafioso denominata Cosa Nostra catanese. I militari erano riusciti non solo a mettere in luce una serie di reati, ma a cogliere anche gli assetti criminali delle singole famiglie ed i rapporti tra le stesse. In particolare, all’epoca dell’indagine, erano emersi alcuni contrasti per la ripartizione delle aree di influenza, ovviamente ai fini della spartizione dei proventi illeciti, nonché varie problematiche legate alla nomina del c.d. “rappresentate provinciale”, che avevano portato allo scoperto latenti contrasti tra le varie famiglie, poi sfociati in veri e propri agguati armati. La situazione emergente ed in continua evoluzione aveva determinato una degenerazione degli eventi, inducendo addirittura gli Inquirenti a procedere in via d’urgenza al fermo degli indagati. A seguito delle indagini era stato inflitto un duro colpo alla famiglia, smantellando di fatto il sodalizio consolidatosi nella Sicilia Orientale. Gli arrestati sono stati ristretti presso le Case Circondariali di Catania-Bicocca, Augusta-Brucoli, Caltanissetta, Siracusa e Agrigento come disposto dall’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia, eseguiti ordini di carcerazione per 11 esponenti del clan "Santapaola-Ercolano"

CataniaToday è in caricamento