Muore di tumore dopo cura con bicarbonato, aperta inchiesta

Il magistrato deciderà se procedere nei confronti del medico Tullio Simoncini, radiato dall'albo, il quale sostiene la teoria che il cancro sia un fungo da curare con infusioni a base di bicarbonato di sodio

La Procura della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo sulla morte di un giovane di 27 anni originario di Catania avvenuta nello scorso mese di ottobre nell'ospedale di Tirana in Albania dopo che - per un tumore al cervello - era stato curato con una sostanza a base di bicarbonato.

L'apertura del fascicolo affidata a pm Attilio Pisani prende lo spunto da una denuncia dei genitori della vittima che, dopo il rientro in Italia, è stata sottoposta ad autopsia.

Una volta in possesso dell'esito dell'indagine peritale il magistrato deciderà se procedere nei confronti del medico Tullio Simoncini, radiato dall'albo, il quale appunto sostiene la teoria che il cancro sia un fungo da curare con infusioni a base di bicarbonato di sodio.

Insieme con Simoncini potrebbero subire provvedimenti altri soggetti nei quali si parla nella denuncia dei genitori della vittima che per le 'cure' avrebbero dovuto pagare una cospicua somma di denaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento