"Massaggi e sesso", polizia sequestra un centro estetico cinese

I poliziotti hanno anche proceduto al sequestro penale dei proventi derivanti dall’attività di prostituzione, 4 telefoni cellulari - le cui utenze telefoniche rimandano a siti escort-trans - e altra documentazione attestante il collegamento del centro all’attività illegale di prostituzione

Controllato un centro estetico cinese in una zona centralissima di Catania. Indagata in stato di libertà la titolare X. H. per i reati di sfruttamento della prostituzione, false attestazioni a Pubblico Ufficiale e impiego di lavoratori stranieri senza permesso di soggiorno. Il locale è stato sottoposto a sequestro penale preventivo, al fine di interrompere l’attività di sfruttamento.

I poliziotti hanno anche proceduto al sequestro penale dei proventi derivanti dall’attività di prostituzione, 4 telefoni cellulari - le cui utenze telefoniche rimandano a siti escort-trans - e altra documentazione attestante il collegamento del centro all’attività illegale di prostituzione.

I fatti traggono origine da una precedente attività di polizia giudiziaria e osservazione a seguito della quale è emerso che il centro massaggi, privo di autorizzazione comunale, di fatto era gestito quale luogo di prostituzione in cui, tra l’altro, è stata identificata una dipendente cinese senza permesso di soggiorno e senza alcun titolo attestante la sua professione di massaggiatrice. Sono stati identificati diversi clienti stranieri e italiani i quali, anche se con imbarazzo, hanno confermato di aver corrisposto una somma di denaro in cambio di massaggio con prestazione sessuale finale (50 euro 60 minuti, 30 euro 30 minuti).

A richiesta, la titolare avrebbe anche garantito, durante il “massaggio”, un intrattenimento musicale con uno strumento tipico cinese. Sul posto è intervenuta anche il reparto annona della polizia locale che ha contestato la mancanza dell’iscrizione albo artigiani e dell’autorizzazione nonché l’esposizione di cartellonistica pubblicitaria sulla strada pubblica, senza la prescritta autorizzazione ( per un importo massimo circa 7000,00 euro).

Riscontrati anche diversi reati in materia di salubrità e sicurezza sui luoghi di lavoro, la mancanza di attestati di formazione (per la formale attività di centro massaggi): per tali motivi, verranno informate le Autorità competenti, al fine di irrogare le ulteriori sanzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento