rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Scordia

Minacce e botte ai genitori, 30enne finisce ai domiciliari

Il giovane avrebbe instaurato in casa un vero e proprio regime di terrore, sottoponendo i genitori a violenze, minacce, aggressioni fisiche e danneggiamenti di mobili e suppellettili dell’abitazione, tanto da far temere ad entrambi costantemente per la propria incolumità

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Caltagirone, nell’ambito di indagini a carico di un 30enne indagato per il reato di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali ed estorsione, ha richiesto ed ottenuto nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari presso un istituto di cura e assistenza, eseguita dai carabinieri della stazione di Scordia. Le indagini svolte hanno fatto luce sulle condotte abituali e reiterate poste in essere dal giovane nei confronti di entrambi i genitori conviventi, consistite in maltrattamenti fisici e psicologici, compiuti sotto l’abuso di sostanze stupefacenti al fine di ottenere denaro e oggetti in oro per procurarsi la droga.

Il giovane avrebbe instaurato in casa un vero e proprio regime di terrore, sottoponendo i genitori a violenze, minacce, aggressioni fisiche e danneggiamenti di mobili e suppellettili dell’abitazione, tanto da far temere ad entrambi costantemente per la propria incolumità. In particolare, la madre, in preda all’ansia e alla disperazione, avrebbe avuto anche difficoltà a dormire di notte mentre il padre in uno dei tanti episodi di violenza, minacciato di morte con un coltello, sarebbe stato costretto a rifugiarsi presso l’abitazione della nonna paterna.

La situazione già grave sarebbe degenerata a partire dal mese di ottobre 2021, quando il 30enne agendo in preda alle crisi di astinenza, avrebbe prostrato la resistenza dei genitori. A metà ottobre, per futili motivi, il giovane avrebbe sferrato pugni alla testa e alle spalle della madre provocandole lesioni personali: ” trauma cranico minore, trauma da strattonamento alle spalle, stato di agitazione reattivo, ecchimosi al dorso”, giudicate guaribili in 10 giorni.

In occasione di un litigio con un parente a metà del mese di novembre, il 30enne avrebbe nuovamente aggredito la madre, intervenuta per separarli, provocandone una violenta caduta a terra. A fronte del diniego dei genitori di consegnargli il denaro richiesto, aveva buttato a terra un televisore, lanciato le posate in strada, danneggiato la ringhiera di una scala con calci, tentato di incendiare un divano con un accendino, rotto con un martello una porta a vetri del vicino di casa, nonché appiccato il fuoco alla porta.

Nel mese di dicembre 2021, il giovane avrebbe discusso animatamente con la madre e preteso poi che gli consegnasse i documenti per riscuotere la pensione ed ancora, a metà del mese di febbraio, l’ennesimo danneggiamento, questa volta dei mobili della cucina sempre con lo scopo di ottenere denaro. Tutte le condotte poste in essere dal figlio hanno superato ogni soglia di sopportazione dei genitori che, all’apice della disperazione, si sono dunque rivolti ai carabinieri di Scordia. L’uomo si trova tuttora sottoposto agli arresti domiciliari presso un istituto di cura e assistenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce e botte ai genitori, 30enne finisce ai domiciliari

CataniaToday è in caricamento