Minaccia contadino con un bastone chiodato: arrestato

I carabinieri di Mineo hanno arrestato il 30enne senegalese Papa Bakary Gueye coin l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale, violazione di domicilio, violenza privata

I carabinieri di Mineo, coadiuvati da quelli del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Palagonia, hanno arrestato il 30enne senegalese Papa Bakary Gueye, ritenuto responsabile di resistenza a pubblico ufficiale, violazione di domicilio, violenza privata e rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità. L’uomo, senza fissa dimora ed ex ospite del C.A.R.A. di Mineo, si è introdotto in un fondo agricolo di contrada Cavallo a Mineo dove, alla legittime rimostranze del proprietario, intento a lavorare la terra, lo ha minacciato imbracciando un bastone chiodato tanto da costringerlo a fuggire via. Il povero fattore non ha potuto far altro che chiedere aiuto ai carabinieri che, giunti sul posto, dopo una violenta colluttazione sono riusciti a disarmare ed ammanettare l’extracomunitario. Il bastone è stato posto sotto sequestro, mentre l’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Caltagirone dove permane anche dopo la convalida del G.I.P. del Tribunale calatino.

bastone sequestrato-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento