Mineo, vendevano prodotti falsi: arrestati

I carabinieri di Mineo hanno arrestato due catanesi di 53 e 55 anni, Carlo Milici e Francesco Cocimano, per introduzione nello Stato di prodotti falsi

I carabinieri di Mineo hanno arrestato due catanesi di 53 e 55 anni, Carlo Milici e Francesco Cocimano, per introduzione nello Stato di prodotti falsi, vendita di prodotti industriali con segni mendaci, ricettazione ed inosservanza alle disposizioni governative sul contenimento del Covid-19. Nell’ambito dei servizi di controllo sul territorio effettuati per garantire la tutela della collettività dalla proliferazione del virus, i militari hanno imposto l’alt ad una Fiat Stilo SW con a bordo i due uomini che non fornivano valide motivazioni alla loro presenza su strada. Il controllo dell’autovettura, inoltre, ha consentito agli operanti di rinvenire una motosega, un generatore di corrente, due robot da cucina e pentolame vario, tutto con falsi adesivi di note marche costruttrici o con nomenclatura molto simile all’originale, così da indurre in errore l’acquirente meno esperto. I due hanno fornito ai militari uno scontrino d’acquisto dei materiali, che sono stati sequestrati insieme al veicolo, che, però, non risultava attinente a quella merce e pertanto utilizzato artatamente per giustificarne il possesso.

sequestro Mineo-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento