Misterbianco, sequestrati 250 chili di prodotti pirotecnici nascosti in un appartamento

I finanzieri hanno asportato dall’abitazione il materiale pirotecnico sequestrato e denunciato il cittadino italiano alla Procura della Repubblica di Catania per commercio abusivo ed omessa denuncia della detenzione di materiale esplodente

I militari del comando provinciale della guardia di finanza di Catania, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi finalizzati al controllo dell’illegale produzione, detenzione e commercio di materiale pirotecnico, hanno sequestrato a Misterbianco, presso una abitazione privata, oltre 250 chili di prodotti pirotecnici.

In particolare, le Fiamme Gialle del gruppo di Catania, a seguito di attività di intelligence economico-finanziaria sviluppata con servizi di controllo del territorio, di osservazione ed appostamento, hanno individuato un appartamento, nel territorio del comune etneo, nella disponibilità di un cittadino italiano, al cui interno vi erano custoditi clandestinamente, in cucina e nel salone accanto all’albero natalizio, numerosi scatoloni contenenti gli oltre 250 chili di prodotti pirotecnici, la cui carica esplodente è risultata di circa 27 kg.

Il materiale era costituto da artifizi etichettati (del tipo “batteria” e “fontana”) ed anche da prodotti artigianali, particolarmente pericolosi poiché privi di qualunque attestazione sul loro potenziale esplodente e sulle prescrizioni di utilizzo.

Le merci, accatastate all’interno dell’appartamento, ovviamente sprovvisto di dispositivi antincendio e caratterizzato dalla presenza di possibili fonti di innesco, costituivano un potenziale pericolo per l’incolumità degli occupanti nonché delle famiglie presenti in tutto l’edificio privato.

Al termine dell’intervento, i finanzieri hanno asportato dall’abitazione il materiale pirotecnico sequestrato e denunciato il cittadino italiano alla Procura della Repubblica di Catania per commercio abusivo ed omessa denuncia della detenzione di materie esplodenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento