Multiservizi, sentenza del Tribunale reintegra lavoratrice licenziata

Si è conclusa la vicenda relativa agli ingiusti licenziamenti effettuati data 15 aprile 2011 da Catania Multiservizi nei confronti dei lavoratori appartenenti ai servizi scolastici integrati e provenienti dal bacino dei collaboratori scolastici degli organici della scuola pubblica

Si è conclusa la vicenda relativa agli ingiusti licenziamenti effettuati data 15 aprile 2011 da Catania Multiservizi nei confronti dei lavoratori appartenenti ai servizi scolastici integrati e provenienti dal bacino dei collaboratori scolastici degli organici della scuola pubblica. Si ribadisce che, alcune quote di quel bacino,  a suo tempo, erano state cedute al Comune di Catania.

Il Tribunale di Catania, sezione lavoro, ha infatti riconosciuto le ragioni dei lavoratori licenziati da Catania Multiservizi giusto patrocinio sindacale dell’Unicobas e difesa legale dell’avvocato Biagio Longhitano.

Come ha più volte dimostrato il sindacato, in sede Ministeriale, in sede Prefettizia, in sede dell’Ufficio del Lavoro ed in sede aziendale,i licenziamenti risultano illegittimi.

"A riprova di ciò, il Giudice del lavoro del Tribunale di Catania, Caterina Musumeci - come si legge nella nota Unicobas - con ordinanza emessa e depositata in cancelleria in data 11 ottobre 2013, ha dichiarato inefficace il licenziamento intimato dalla Catania Multiservizi ad una lavoratrice aderente al sindacato Unicobas. Il Giudice del lavoro ha reintegrato la stessa lavoratrice, nel posto di lavoro dalla stessa precedentemente occupato. Catania Multiservizi, partecipata del Comune di Catania ad intero capitale pubblico, è stata, altresì, condannata al pagamento,  in favore della lavoratrice, ex. Art. 18 dello statuto dei lavoratori, di un’indennità commisurata a nove mensilità della retribuzione globale di fatto percepita dalla lavoratrice prima del licenziamento, nonché al versamento dei contributi assistenziali ed assistenziali omessi dal momento del licenziamento e pari, ad oggi, a trenta mensilità. Con la stessa ordinanza, Catania Multiservizi è stata condannata al pagamento delle spese di giudizio sostenute dalla lavoratrice".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento