rotate-mobile
Cronaca

Contro il raddoppio ferroviario l'appello della cittadinanza al neosindaco

Sabato scorso, proprio nel giorno dell'insediamento al Comune del sindaco Bianco, i rappresentanti di tutti i club services e di Libera si sono incontrati con la sovintendente Vera Greco per formulare la richiesta al neosindaco: "Fare propria una battagli che finora è stata sostenuta da Stancanelli"

Il prossimo 15 luglio, il sindaco Enzo Bianco dovrà fare sua una lotta che finora era stata dell'ex sindaco Stancanelli. Si tratta del "no" alla proposta di raddoppio ferroviario di Rete ferrovie italiane ( Rfi). Il 15 luglio, infatti, Rfi dovrà presentare la valutazione comparata delle due proposte: quella propria - contestata in quanto devasterebbe il centro storico - e quella elaborata dall'ufficio del piano regolatore del Comune e condivisa dalla Sovrintendenza, dagli ordini degli Architetti e degli Ingegneri, dall'Ance e dalle varie associazioni catanesi.

Sabato scorso, proprio nel giorno dell'insediamento al Comune del sindaco Bianco, i rappresentanti di tutti i club services e di Libera si sono incontrati con la sovintendente Vera Greco per formulare la richiesta al neosindaco: "Fare propria una battagli che finora è stata sostenuta da Stancanelli". Inoltre chiedono di invitare a Catania, prima del 15 luglio, una deputazione dell'Ars perchè chi dovrà decidere guardi di presenza cosa comporterebbe.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro il raddoppio ferroviario l'appello della cittadinanza al neosindaco

CataniaToday è in caricamento