menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuova sciagura, ci sarebbero oltre 70 immigrati dispersi nel Canale di Sicilia

E' quanto raccontato da 27 profughi giunti a Catania tra i 395 stranieri a bordo della nave "Orione" della Marina militare. Agli operatori hanno detto di essere superstiti: è stata così informata la Procura della Repubblica di Catania che ha aperto un'inchiesta

Ci sarebbero oltre settanta immigrati dispersi nel Canale di Sicilia dopo il naufragio di un gommone. E' quanto raccontato da 27 profughi giunti a Catania ieri tra i 395 stranieri a bordo della nave "Orione" della Marina militare.

Agli operatori dell'Unhcr hanno detto di essere superstiti di questa nuova sciagura, è stata così informata la Procura della Repubblica di Catania che ha aperto un'inchiesta e le necessarie verifiche sono state affidate dai magistrati alla Squadra mobile e alla Capitaneria di porto di Catania.

Intanto, è tornato in libertà il marocchino di 23 anni, accusato di essere uno dei due scafisti del peschereccio carico di migranti che il 12 maggio scorso fece naufragio, causando la morte di 17 persone. Lo ha deciso il Gip di Catania, Giovanni Cariolo che, accogliendo la richiesta del legale dell'indagato, l'avvocato Francesco Turrisi, gli ha revocato gli arresti domiciliari e l'obbligo di utilizzare il braccialetto elettronico. La Procura aveva presentato parere contrario. Resta in carcere il presunto 'capitano' del peschereccio un 23enne tunisino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Arredare

Soffitto: alcune idee per valorizzarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento