Omicidio di Nicolosi, l'ex compagno di Giordana fermato a Milano

Giordana Di Stefano, la 20enne uccisa a coltellate a Nicolosi, ed il suo ex convivente Luca Priolo, 24enne, erano in causa, in sede civile, per l'affido esclusivo della loro figlia di 4 anni e mezzo. Più passa il tempo, dunque, più si addensano i sospetti sull'ex convivente della vittima, Luca Priolo

Luca Priolo, l'ex compagno di Giordana Di Stefano, la mamma ventenne uccisa a Nicolosi, sarebbe stato fermato a Milano. Era ricercato da diverse ore. Era fuggito con l'auto della madre, una Fiat Punto, la cui targa è stata rilevata. Arrivato a Milano si è recato alla stazione ferroviaria per tentare, secondo gli investigatori, di andare all'estero in treno. Il giovane sarà sentito probabilmente da magistrati della Procura di Milano su rogatoria attivata dai loro colleghi di Catania.

Giordana Di Stefano, la 20enne uccisa a coltellate a Nicolosi, ed il suo ex convivente Luca Priolo, 24enne, erano in causa, in sede civile, per l'affido esclusivo della loro figlia di 4 anni e mezzo. La donna aveva presentato la richiesta e il giovane si era detto pronto ad accettare ogni sua volontà se lei avesse ritirato la denuncia per stalking, presentata nell'ottobre del 2013.

Secondo fonti legali, Priolo aspirava ad un impiego come guardia giurata e aveva bisogno di chiudere il fascicolo penale per ottenere il porto d'armi. Il procedimento per stalking era scattato dopo che l'ex convivente era entrato in casa della vittima da una finestra. Il giovane si era difeso sostenendo di essere entrato perchè aveva visto un'auto sospetta fuori dal portone e voleva garantire la loro sicurezza. 

"Lui era geloso, ma non violento. Lei non aveva paura di lui e non riusciamo a credere che sia stato lui". Così hanno commentato l'accaduto alcune amiche di Giordana. "Lui in passato era stato denunciato da Giordana - ricordano- ma perchè non sin rassegnava alla fine della loro storia? La seguiva continuamente. Ultimamente si erano riavvicinati ma la loro era una storia contrastata: si lasciavano e si rimettevano insieme spesso, fino a quando lei non ha voluto più". "Non ci credo che possa essere stato Luca - aggiunge un amico del 24enne- lui voleva tornare con lei, le voleva bene. Ho provato a chiamarlo al cellulare ma e' spento da tempo. Aveva comprato una Sim statunitense perchè voleva andare a lavorare a New York". 

Secondo una prima ricostruzione l'assassinio sarebbe avvenuto la notte scorsa. Giordana avrebbe trascorso la notte in compagnia di amici, poi sarebbe rientrata a casa dopo l'una, per uscire nuovamente con il suo ex compagno. La madre della ragazza stamattina ha denunciato la scomparsa della figlia ritrovata a poche centinaia di metri dalla sua casa dentro l'auto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento