Operazione "Pupi di pezza": le aziende favorite dallo studio Pogliese

L'operato della Finanza ha consentito di far luce su un sistema affaristico diretto dallo studio associato Pogliese e alimentato dall’opera di liquidatori “prestanome” e imprenditori sleali che riuscivano a frodare il fisco

A beneficiare deliberatamente dell’opera criminale dell’associazione a delinquere composta dai professionisti arrestati questa mattina nell'operazione "Pupi di pezza" e da Virgillito, "il prestanome" dello studio Pogliese, sono stati: i fratelli Antonino Grasso (cl.1965), Giuseppe Andrea Grasso (cl.1968), Michele Grasso (cl.1961), sottoposti agli arresti domiciliari, amministratori e proprietari della fallita “Diamante Fruit Srl”, già attiva nel commercio all’ingrosso di frutta e ortaggi con sede ad Acireale. 

L'azienda, dopo un accertamento effettuato dall’amministrazione finanziaria nel 2002, aveva maturato nei confronti dell’Erario un debito complessivo di circa 215 milioni di euro, rappresentato solo in parte in bilancio. I predetti distraevano i marchi aziendali registrati all’Ufficio Italiano Brevetti (“Saporita”, “Golosità”, Diamante”, “Diamante Fruit”), il cui valore economico effettivo è di circa 1,8 milioni di euro, in favore di un’ulteriore loro società (“Kalipso srl.”, con sede a Milano, esercente l’attività di gestione di beni immobili propri) al prezzo inferiore di 520 mila euro (corrisposti, tra l’altro, con crediti inesistenti).

"Inoltre - spiegano gli inquirenti - va evidenziato che gli indagati, al fine di impedire agli investigatori la ricostruzione del patrimonio e del volume d’affari effettivi, occultavano libri giornale, contabilità di magazzino e scritture contabili". La fase finale del disegno fraudolento prevedeva l’incorporazione della “Kalipso srl” (la cui effettiva proprietà era stata inizialmente “schermata” attraverso l’interposizione di fiduciarie svizzere e inglesi, dotata nel frattempo dei marchi e degli immobili) nella “Grasso Distribuzioni” costituita nel 2012 per diventare l’erede della ““Diamante Fruit srl.”. Questa fase non si è concretizzata grazie al tempestivo intervento di questa Procura. 

Tra i beneficiari c'è anche Concetta Galifi (cl. 1980), destinataria della misura degli arresti domiciliari, nella sua qualità di amministratore della “PRIMA TRASPORTI S.R.L.”, esercente l’attività di trasporto merci su strada, avente sede in Paternò (CT), in liquidazione dal 2015, dichiarata fallita nel febbraio 2018. Nello specifico, nel 2011 il conseguimento di una perdita d’esercizio determinava l’azzeramento del capitale sociale e poneva la “PRIMA TRASPORTI” in uno stato evidente di insolvenza. La GALIFI, supportata dallo studio Pogliese e dal liquidatore “testa di legno”, proseguiva l’attività d’impresa aggravando il dissesto e 4 sottraendosi al pagamento di debiti erariali superiori a 2 milioni di euro, favorendo, già negli anni antecedenti alla liquidazione, il passaggio di forza lavoro, automezzi, avviamento e portafoglio clienti/fornitori alla “GALI GROUP S.R.L.”, avente sede a Ispica (RG), esercente l’attività di trasporto merci su strada, amministrata dalla cognata di Concetta Galifi;

Rosario Patti (cl.1940), agli arresti domiciliari, amministratore di fatto della “PATTI DIFFUSIONE S.R.L.”, esercente l’attività di commercio all’ingrosso e al dettaglio di abbigliamento e calzature, avente sede in Acireale (CT), dichiarata fallita dal Tribunale etneo nell’aprile 2017. In presenza di un capitale sociale eroso dalle perdite sin dal 2006, Patti proseguiva l’attività d’impresa anziché affidarsi a una procedura concorsuale, aggravandone il già palese dissesto, omettendo il pagamento di debiti erariali e previdenziali superiori a 2 milioni di euro nonché redigendo un bilancio non veritiero per effetto di omissioni e falsi appostamenti contabili. Nello stesso frangente temporale, il PATTI contribuiva a distrarre il complesso aziendale della fallenda a beneficio della “CTA FIN S.R.L.”, esercente l’attività di commercio al dettaglio di confezioni per adulti, avente sede in Misterbianco (CT), società amministrata di fatto dallo stesso PATTI, attraverso la simulazione di un fitto d’azienda e di un contratto estimatorio per il trasferimento delle merci.

In fine, la complessa investigazione delle Fiamme gialle etnee ha fatto emergere le ulteriori due seguenti vicende societarie caratterizzate dall’attuazione del medesimo e collaudato sistema illecito: - la prima afferente alla “GRANDI VIVAI SOCIETA’ AGRICOLA S.R.L.”, avente sede in Paternò, esercente l’attività di coltivazioni di fiori e piante ornamentali, fallita nel luglio 2018 e amministrata da Alfio Sciacca (cl. 1952), destinatario del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriali per un anno; il predetto, attraverso la realizzazione di un’operazione straordinaria di scissione societaria, favoriva la distrazione degli asset patrimoniali più redditizi della società deficitaria a vantaggio di “PLANETA S.R.L.”, avente sede a Catania, esercente l’attività di progettazione, esecuzione di lavori specializzati nel verde, società quest’ultima riconducibile alla medesima compagine societaria della fallita. In più, lo stesso Alfio Sciacca, favorito dallo studio associato Pogliese, si sottraeva dal pagamento di imposte per un volume complessivo superiore a 1 milione di euro. Nel caso specifico, tra le preziose “eredità” ricevute da “PLANETA S.R.L.” vi erano rilevanti commesse pubbliche in atto nonché le credenziali per la partecipazione e l’aggiudicazione di nuovi appalti pubblici.

La seconda vicenda vede quale ulteriore destinatario di misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriali per un anno, Nunziata Conti (cl.1954), quale amministratore della “F.LLI CONTI PATERNO’ S.R.L.”, avente sede a Paternò (CT), esercente il commercio all’ingrosso di prodotti ortofrutticoli, dichiarata fallita nel giugno del 2018, che contribuiva ad aggravarne il dissesto proseguendo dal 2008 l’attività d’impresa pur in carenza di capitali propri, favorendo la distrazione del complesso aziendale a beneficio di altra società del gruppo (“F.LLI CONTI GROUP S.R.L.”, con sede a Paternò, esercente il commercio all’ingrosso di ortofrutta) e sottraendosi al pagamento di imposte per oltre 1 milione di euro. Anche in questo caso venivano effettuati pagamenti preferenziali a favore di soci e amministratori, occultamento delle scritture contabili e l’apposizione in bilancio di voci non veritiere.

Con l’esecuzione dell’odierno provvedimento giudiziario, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria di Catania hanno sottoposto a sequestro: - i seguenti marchi registrati, oggetto delle condotte distrattive: “SAPORITA”, “GOLOSITA”, DIAMANTE”, “DIAMANTE FRUIT”, con i quali i fratelli GRASSO operavano nel settore ortofrutticolo; - i complessi aziendali appartenenti alle società fallite “PRIMA TRASPORTI S.R.L.”, “GRANDI VIVAI SOCIETA’ AGRICOLA S.R.L.”, “F.LLI CONTI PATERNO’ S.R.L.” e “PATTI DIFFUSIONE S.R.L.”, che sono stati affidati ad un amministratore giudiziario, per un valore complessivo di circa 11 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In definitiva, l’operato della Finanza ha consentito di far luce su un sistema affaristico diretto dallo studio associato Pogliese e alimentato dall’opera di liquidatori “prestanome” e imprenditori sleali, i quali, adottando fittizi progetti di riorganizzazione aziendali straordinari o predisponendo bilanci non veritieri, riuscivano sistematicamente a frodare l’Erario per un totale di oltre 220 milioni di euro, rendendo vana qualsiasi azione esecutiva. Tale vantaggio competitivo criminale, frutto di sistematiche distrazioni dei valori patrimoniali più redditizi, consentiva ai gruppi imprenditoriali indagati di continuare a operare nel mercato in costante dispregio degli obblighi di legge, frodando il Fisco, gli enti assistenziali e quelli previdenziali nonché arrecando danni economici alle imprese concorrenti operanti nel medesimo segmento commerciale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento