Operazione "tabula rasa", scoperta un'estesa attività di spaccio

Le sostanze stupefacenti venivano prima lavorate e "tagliate" all'interno di un'abitazione, vera e propria base operativa, per poi essere messe in vendita sulle piazze di Giarre, Riposto, Taormina, Giardini Naxos e altre località limitrofe della zona ionica

Scoperta un'articolata attività di spaccio di sostanze stupefacenti. Questa mattina, 60 finanzieri del Comando Provinciale di Catania hanno eseguito un’ordinanza applicativa di misure cautelari, emessa dal GIP del Tribunale di Catania, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia Etnea, nei confronti di 9 soggetti, indagati per i reati di detenzione illecita e vendita di sostanze stupefacenti.

Le indagini hanno individuato nel dettaglio la base logistica dell'attività nell’abitazione di L. S. R., già sottoposto agli arresti domiciliari. All’interno della sua abitazione, infatti, l'uomo aveva creato un vero e proprio laboratorio, in cui venivano, dapprima lavorate e “tagliate” le sostanze stupefacenti, tipo marjuana e cocaina, per poi essere cedute ai coindagati, i quali le mettevano in vendita sulle piazze di Giarre, Riposto, Taormina, Giardini Naxos e altre località limitrofe della zona ionica.

Nel corso delle attività investigative, i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Riposto hanno collocato, all’interno dell’abitazione del L.S., delle microspie che hanno consentito di ascoltare e documentare tutte le conversazioni intercorse tra il predetto e i suoi complici, durante i loro incontri, in cui organizzavano gli illeciti traffici e decidevano le zone e le modalità di spaccio.

Inoltre, un sistema di videosorveglianza, posizionato all’esterno dell’immobile, ha permesso di identificare tutti i soggetti coinvolti nell’attività criminale, nonché di svolgere servizi di pedinamento degli stessi. Il GIP ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di sette indagati e quella degli arresti domiciliari nei confronti di altri due.

I finanzieri della Compagnia di Riposto, della Tenenza di Acireale e della Brigata di Bronte, con il supporto di pattuglie della Compagnia di Taormina e di 3 unità cinofile antidroga del Gruppo di Catania, hanno anche proceduto a contestuali perquisizioni personali e domiciliari, su decreto della Procura Distrettuale Antimafia di Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento