Ospedale San Marco, le associazioni: "Ambulatori primo passo, vigileremo su iter pronto soccorso"

La dichiarazione della Rete Piattaforma Librino e della Rete Sociale Librino

Una giornata da ricordare per Librino: finalmente oggi è stato inaugurato l’ospedale San Marco. Esprimiamo quindi un plauso a chi ha permesso il raggiungimento di questo primo obiettivo. Ma ci scuseranno le autorità sanitarie se di festeggiare i librinesi non hanno ancora alcuna voglia. Ci sono ancora solo due ambulatori e, dopo mesi di richieste da parte della Rete Piattaforma per Librino e della Rete Sociale Librino rivolte ai vertici della Sanità regionale, pur nella soddisfazione di vedere finalmente utilizzata la grande e avveniristica struttura ospedaliera costata 100milioni di euro, spiace scoprire che non ci siano ancora delle date certe per il completamento, ma solo di massima.

I reparti degli storici ospedali del centro in via di dismissione, il Santo Bambino e il Vittorio Emanuele con pronto soccorso pediatrico compreso, arriveranno al San Marco solo “nei prossimi mesi”, mentre per il #prontosoccorsosanmarco l'assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza ha ipotizzato l'apertura a settembre. Il direttore sanitario dell’azienda Policlinico – che a breve perderà il nome “Vittorio Emanuele” in favore di “San Marco” -, Antonio Lazzara, ha però pochi giorni fa comunicato alle associazioni del quartiere un più generico "entro l'anno". Il direttore ha giustificato davanti a tanti cittadini attivi del quartiere il non voler fornire date certe con la prudenza, ribadendo il concetto con una battuta: “La bicicletta c è: è bella è nuova è colorata, ma dobbiamo pedalare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Noi, associazioni, scuole, parrocchie ed enti di volontariato di Librino, abbiamo apprezzato il gesto dei nuovi dirigenti sanitari di incontrare le realtà sociali di un territorio che ha tanto lottato e messo al primo piano l'importanza di questo presidio. Ma vigileremo affinché l’azienda ospedaliera sia in grado di far girare le ruote di questa mastondontica “bicicletta San Marco”. E nel fare un doveroso augurio di buon lavoro, ribadiamo quanto quest’opera sia fondamentale non solo per Librino, ma per tutta Catania: il nuovo punto di emergenza sarebbe in grado di porre rimedio al sovraffollamento del pronto soccorso Garibaldi, unico rimasto in centro città, e di quello del punto di emergenza di via Santa Sofia, che a pochi mesi dall’inaugurazione soffre già i prevedibili problemi dati dal suo posizionamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Incidente stradale a Paternò, scontro fra due mezzi pesanti: un morto

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Covid, bonus matrimonio: governo Musumeci stanzia oltre 3 milioni di euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento