"Lotto Marzo" a Catania: tra scioperi, discriminazioni, violenze e musei gratis

Ci sono donne che considerano ancora l'8 marzo una festa, attendendo auguri e magari una serata da trascorrere in libertà tra amiche. C'è chi invece aspetta questa data per manifestare la propria rabbia, lotta contro le discriminazioni e le violenze che si continuano a subire dentro e fuori casa

Ci sono donne che considerano ancora l'8 marzo una festa, attendendo auguri e magari una serata da trascorrere in libertà tra amiche. C'è chi invece aspetta questa data per manifestare la propria rabbia, lotta contro le discriminazioni e le violenze che si continuano a subire dentro e fuori casa. E così oggi è "Lotto Marzo", il giorno in cui le donne scendono nelle piazze e scioperano.

Uno "Sciopero globale transfemminista” promosso dal movimento “Non una di meno”, arrivato quest’anno alla terza edizione. Tante le associazioni che aderiscono: il Centro antiviolenza Thamaja, le Rivoltapagina, la Lila e movimenti studenteschi.

A Catania, uno dei tanti appuntamenti è alle ore 10 davanti al Tribunale di Catania e nel pomeriggio alle ore 18 in piazza Roma. Manifestazione e corteo di protesta organizzati dall'associazione onlus Thamaia per dire "No" al disegno di legge 735, il ddl Pillon che prevede modifiche in tema di diritto di famiglia dell’attuale legge sull’affido condiviso.

Sciopero dei trasporti

Stop per treni, bus e aerei. Le cause dello sciopero, proclamato da Confederazione Unitaria di base e Unione Sindacale di Base, hanno origine dalle rivendicazioni riguardanti la violenza maschile sulle donne, le discriminazioni di genere, la precarietà e la privatizzazione del Welfare, il diritto ai servizi pubblici gratuiti e accessibili, al reddito universale e incondizionato, alla casa, al lavoro, alla parità salariale, all’educazione scolastica, alla libertà di movimento, per le politiche di sostegno alla maternità e paternità condivisa.

Disagi anche per il traffico aereo

I lavoratori dell'Amt, partecipata del Comune di Catania per il trasporto pubblico locale, sciopereranno dalle ore 12 alle 16, con un sit-in in piazza Roma. Lo annunciano i sindacati trasporti di Cgil, Cisl, Uil e Ugl "non avendo avuto risposte certe sul futuro dell'azienda e sulle corresponsioni degli stipendi" dopo "gli incontri con il sindaco Salvo Pogliese e il presidente dell'Amt, Giacomo Bellavia". "Riteniamo opportuno e doveroso nei confronti di tutto il personale dell'Amt e dei cittadini catanesi - affermano i sindacati in una nota congiunta - concentrare le forze e dare forma a un unico fronte di protesta per salvare l'Amt da possibili futuri tagli. Chiediamo a tutti i cittadini catanesi di collaborare e partecipare alla prossima manifestazione con lo sciopero generale del 30 marzo prossimo per chiedere a chi ci governa risposte certe per salvare la nostra storica azienda, che da oltre 60 anni trasporta i cittadini catanesi impegnando 640 lavoratori che oramai sono stanchi delle solite promesse da marinaio".

Il Ministro Giulia Grillo: "La scelta di essere mamma"

Il Ministro catanese Giulia Grillo, proprio oggi 8 marzo, ha in programma in Senato il convegno "La scelta di essere mamma" in cui i relatori sono principalmente maschi. Come si legge sul sito del Ministero della Salute “Si parlerà di preservazione della fertilità, accesso alla procreazione medico assistita, denatalità in Italia, donazione di gameti, fertilità nella paziente oncologica e ruolo delle associazioni pazienti”. Ma nella locandina compare solo una donna fra gli 8 relatori e sono stati invitati alla tavola rotonda 3 donne e 21 uomini.  si legge nella lettera. Un vero e proprio paradosso, come hanno sottolineato 100 ginecologhe in una lettera inviata al Ministro.

La Regione Sicilia "offre" alle donne i musei gratis

Musei gratis per le donne in Sicilia l'8 marzo. L'iniziativa, promossa dalla Regione, prevede l'ingresso libero in tutti i siti culturali dell'Isola. Per l'occasione, dall'assessorato regionale dei Beni culturali verranno organizzate anche mostre, visite guidate, eventi e iniziative a tema, mirati a sottolineare il rilievo culturale della Festa dedicata al gentil sesso. Fra gli eventi programmati, la Soprintendenza di Catania organizza, invece, 'La donna nell'arte. Le arti per le donne' un momento per ricordare le conquiste sociali, economiche e politiche, ma anche le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state e sono oggetto in tutte le parti del mondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento