Pensioni ed occupazione, i sindacati etnei chiedono più equità

Il 22 novembre al Teatro Brancaccio di Roma ci saranno anche i rappresentanti sindacali catanesi di Sei Cgil, Fnp Cisl e Uilp

Il 22 novembre al Teatro Brancaccio di Roma ci saranno anche i rappresentanti sindacali catanesi di SPI Cgil, FNP Cisl e UILP. Per quella data si terrà un importante attivo nazionale che farà il punto sui temi delle pensioni, dei giovani, dell'occupazione e della sanità e sulle risposte che il Governo non garantisce, nonostante gli accordi.

Stamattina anche a Catania, l'assemblea pubblica organizzata da SPI Cgil, FNP Cisl e UIL pensionati, è stata un'occasione importante per fare il punto su quali sono le proposte del sindacato soprattutto nell'ottica di un principio di flessibilità e di equità nel sistema previdenziale. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, anche il segretario generale dello Spi, provinciale, Carmelo De Caudo, il segretario della FNP, Marco Lombardo, e la segretaria generale della UIL, Enza Meli.

"I pensionati sono con noi, e chiedono risposte precise. Oggi abbiamo spiegato loro cosa é accaduto in questi sei mesi - hanno detto i tre segretari a margine dell'incontro tenutosi nel Salone Russo- in cui nonostante precisi impegni presi per iscritto a seguito della nostra piattaforma unitaria "Cambiare le pensioni, dare lavoro ai giovani", il Governo non ha ancora fornito risposte soddisfacenti. Il faccia a faccia di oggi con i pensionati ha dato l'opportunità di chiarire il senso delle richieste prioritarie: il blocco dell'adeguamento all'aspettativa di vita previsto per il 2019 e l'avvio del confronto per una modifica dell'attuale normativa; il superamento della disparità di genere delle donne e la valorizzazione del lavoro di cura; il sostegno delle pensioni dei giovani, al fine di garantire assegni dignitosi e flessibilità in uscita; il rafforzamento della previdenza complementare attraverso il rilancio delle adesioni l'estensione della fiscalità agevolata anche ai lavoratori pubblici.

"Chiediamo inoltre che vengano separate le spese previdenziali da quelle assistenziali e che venga ripristinata la perequazione dei trattamenti pensionistici- continuano i rappresentanti delle tre sigle - Inoltre pensiamo che l'allargamento della platea dell'Ape sociale e per i lavoratori precoci e la revisione delle norme dei termini di percezione dei Tfr e dei Tfs nel pubblico impiego siano essenziali". Molto attesa, sempre sul fronte pensionistico, anche la verifica delle risorse residuate per l'opzione donna e l'ottava salvaguardia degli esodati, così come la riforma della governance di INPS ed INAIL, per realizzare un sistema efficiente, trasparente e partecipato. La tenuta sociale del Paese, però, passa anche dalla gestione delle problematiche più gravi legate ai disoccupati, giovani ed alla sanità.

Tra le richieste più pressanti, l'utilizzo degli ammortizzatori sociali , la necessità di intervenire sul FIS e estendere le coperture alle imprese con meno di 5 dipendenti, prevedere il prolungamento del sostegno al reddito per chi ha esaurito la Naspi anche attraverso l' intervento del Reddito di inclusione (Rei), collegato a percorsi di politiche attive, riequilibrare costi e accessibilità di licenziamenti e cassa integrazione e investire nelle politiche attive.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento