Pesce avariato sequestrato e distrutto dalla guardia costiera

Era a bordo di un automezzo refrigerato e dopo i controlli effettuati dal personale sanitario dell'Asp di Catania, che lo ha dichiarato non idoneo al consumo umano, è stato distrutto in una struttura idonea

Militari del nucleo operativo difesa mare della guardia costiera di Catania hanno sequestrato circa 200 chili di pesce in pessimo stato di conservazione.

Era a bordo di un automezzo refrigerato e dopo i controlli effettuati dal personale sanitario dell'Asp di Catania, che lo ha dichiarato non idoneo al consumo umano, è stato distrutto in una struttura idonea.

Al conducente del mezzo è stato elevato verbale amministrativo di 1.500 euro per inosservanza sulle norme che regolamentano la tracciabilità del pescato.

L'attività della guardia costiera, nel corso della settimana, aveva già permesso di riscontrare, in un noto ristorante della città, del pescato in cattivo stato di conservazione e privo di qualsiasi documentazione attestante la tracciabilità. Il titolare è stato sanzionato con una ammenda di 1.500 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento