Piazza Cutelli, 12 alberi di leccio prendono il posto delle palme-killer

Gli alberi, donati da Farmitalia alla città di Catania,saranno piantati dai giardinieri della Multiservizi e dagli operai dell’Ufficio Manutenzioni, che provvederanno al ripristino dei cordoli che circondano le aiuole

A partire da questa mattina in piazza Cutelli saranno piantati dodici alberi di leccio negli spazi che ospitavano le palme eliminate dopo il tragico evento in cui perse la vita una donna, perché infestate dal punteruolo rosso. “Il nome scientifico di queste piante – ha spiegato il dott. Annibale Sicurella, consulente del Sindaco per il Verde – è Quercus ilex e gli esemplari che metteremo a dimora nella piazza sono alti oltre due metri. Si tratta di piante definite ‘a pronto effetto’, cioè capaci di dare già un riscontro paesaggistico. I lecci sono alberi tipici della macchia e del giardino mediterraneo, a crescita lenta, che mantengono un portamento compatto e soprattutto hanno bisogno di pochissima manutenzione. Domani inoltre provvederemo a impiantare questi alberi con un sistema molto utilizzato in Gran Bretagna e che consiste nell’impiego, al posto del classico tutore a tutta altezza che finisce per indebolire il fusto delle piante, di un palo di ridotte dimensioni che blocca soltanto il primo terzo del tronco”.

Gli alberi – donati da Farmitalia alla città di Catania – saranno piantati dai giardinieri della Multiservizi, i quali lavoreranno insieme agli operai dell’Ufficio Manutenzioni, che provvederanno al ripristino dei cordoli che circondano gli spazi verdi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento