Prefettura, proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori

Secondo i sindacati i provvedimenti riorganizzativi dell’amministrazione prefettizia “non rispondono più agli accordi"

Cgil/Fp - Cisl/Fps - Uil/Pa- Confsal-Unsa di Catania hanno dichiarato lo stato di agitazione del personale dell’amministrazione civile del Ministero dell’interno in servizio presso la Prefettura di Catania. Per i rappresentanti delle quattro sigle sindacali, i segretari Gaetano Agliozzo, Armando Coco, Armando Algozzino e Francesco Cavallaro, “non sussistono più le condizioni per proseguire le relazioni sindacali con la Rappresentanza Pubblica, vista l'assenza di corrette e significative modalità di relazione improntate al rispetto sostanziale dei rapporti sindacali”.

Secondo i rappresentanti dei lavoratori, infatti, i provvedimenti riorganizzativi dell’amministrazione prefettizia riguardanti temi chiave quali la mobilità, il reclutamento per i servizi e la partecipazione ai corsi di aggiornamento “non rispondono più agli accordi e alle intese sindacali che hanno consentito, sin qui, il rispetto delle regole di relazione e contribuito al mantenimento di un clima sereno tra i lavoratori e una proficua organizzazione del lavoro, compatibilmente con le risorse disponibili”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella riunione sindacale del 24 gennaio scorso, i sindacati hanno espresso il malcontento dei lavoratori denunciato dall’assemblea sindacale unitaria ma anche “l’inadeguatezza e la non rispondenza degli atti interni di organizzazione, l’esigenza di ottimizzazione delle attività in relazione al costante decremento delle risorse umane ed economiche l'inutilità di proseguire il confronto sulle problematiche poste all’ordine del giorno”; tra questi gli archivi unici (“una sovrastruttura organizzativa non ancorata alla realtà, con la principale finalità di riversare sugli operatori amministrativi eventuali responsabilità di gestione”), la tardiva convocazione per il “reclutamento” del gruppo di supporto del servizio elettorale, e il più recente provvedimento di “mobilità” che ha interessato lo scambio di due ausiliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento