'Questo non è amore', la polizia contro la violenza di genere

Purtroppo, i dossier della Questura parlano chiaro: quello della violenza sulle donne è un fenomeno in ascesa anche a Catania.

In prossimità del 25 novembre, “Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne”, torna a Catania il camper del progetto “Questo non è Amore", la campagna d’informazione permanente della Polizia di Stato sulla violenza di genere. L’appuntamento è fissato per la mattina del 24 novembre in piazza del Duomo: il Questore Alberto Francini, insieme al Prefetto Claudio Sammartino, testimonierà l’importanza dell’evento e dell’attività degli operatori dell’Ufficio Minori e Vittime Vulnerabili della Divisione di Polizia Anticrimine, affiancati in questa iniziativa dai poliziotti dell’Ufficio Relazioni Esterne della Questura, e degli esperti psicologi del Centro Antiviolenza Thamaia di Catania.

Testimonial d’eccezione, ancora una volta, Giuseppe Valenti, il padre della compianta Veronica, uccisa a coltellate nel 2014, che ha fatto della divulgazione del messaggio di non violenza una vera e propria missione: rivolgendosi a tutte le donne, ma soprattutto ai giovani, come giovane era Veronica quando venne trucidata, da senso a quell’incommensurabile dolore di un genitore che vede la propria figlia strappata alla vita. Purtroppo, i dossier della Questura parlano chiaro: quello della violenza sulle donne è un fenomeno in ascesa anche a Catania.

E se per ogni denuncia e ogni segnalazione, sono in realtà tantissime le vittime di brutali percosse che tacciono, è facile comprendere come il pericolo che si annida nell’intimità del focolare domestico o la prepotenza e la prevaricazione che dominano certi rapporti “affettivi” possano diventare un serio problema sociale e una vera e propria fenomenologia criminale che dev’essere affrontata con i rigori della legge.

In effetti, negli ultimi anni sono state diverse le leggi che hanno fornito a tutti quegli apparati che sono da sempre in campo contro la violenza sulle donne, Polizia di Stato in testa, gli strumenti per arginare tale fenomeno, fornendo protezione e sicurezza alle vittime, prevedendo misure cautelari e pene detentive per i responsabili dei maltrattamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le vie da percorrere, in caso si rimanga vittima di violenza di genere o, ancora più semplicemente, qualora si venga a conoscenza di maltrattamenti o soprusi a danno di una donna, sono agevoli, prive di rischi ed efficaci. Con un semplice gesto si può salvare la vita di una donna; anche con una sola telefonata si può impedire che una passione corrotta dalla violenza possa finire nel sangue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento