Coppia di tunisini accoltella tossicodipendente a San Berillo, arrestati

Le indagini della questura hanno accertato il tentativo di rapina ai danni di un giovane tossicodipendente che comprava abitualmente hashish a San Berillo

Una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip etneo ha raggiunto due tunisini clandestini, responsabili  dei reati di tentata rapina e lesioni personali commessi a Catania a febbraio. Uno dei due dovrà rispondere anche di spaccio di sostanze stupefacenti. Le indagini della questura hanno accertato il tentativo di rapina ai danni di un giovane tossicodipendente che comprava abitualmente hashish a San Berillo.

Ma un giorno, anziché fornire la droga, i due hanno aggredito il malcapitato con un coltello ferendolo di striscio al fianco sinistro e colpendolo al volto con una testata, causandogli lesioni con una prognosi di 8 giorni medicate presso il pronto soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele. Ultimate le formalità di rito, gli arrestati sono stati rinchiusi nella casa circondariale di Piazza Lanza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento