Riciclaggio auto rubate anche a Catania, scoperto deposito nel Ragusano

L'operazione aveva anche portato al sequestro di parti meccaniche e di carrozzeria di 43 auto rubate tra il 2015 ed il 2016 nel Catanese, Siracusano e Barese

foto archivio

Un altro deposito di parti meccaniche provenienti da auto rubate è stato scoperto dalla Polizia stradale di Ragusa nell'ambito delle indagini sul sodalizio criminale specializzato nella ricettazione e nel riciclaggio di vetture rubate in tutta Italia che il 9 gennaio scorso avevano portato all'arresto di cinque persone, tra cui una donna, da parte della polizia stradale di Ragusa nell'ambito di una operazione denominata 'Ricambio sicuro'.

Salgono così a sei i locali perquisiti (due negozi di ricambi a Pozzallo e Rosolini (Siracusa), quattro magazzini a Ragusa, Rosolini e Noto e Marina di Modica. L'operazione aveva anche portato al sequestro di parti meccaniche e di carrozzeria di 43 auto rubate tra il 2015 ed il 2016 nel Catanese, Siracusano e Barese per un valore complessivo di circa 500 mila euro. Otto gli indagati, cinque dei quali posti agli arresti domiciliari e uno all'obbligo di firma.

La scoperta del deposito, avvenuta mentre i sei indagati venivano interrogati dal Gip del Tribunale di Ragusa Claudio Maggioni, è stata fatta a Marina di Modica, nel Ragusano, in un area, di circa 250 mq. che il proprietario ha detto di aver da poco dato in affitto a Rosario Miglore, di 50 anni, uno dei destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari del 9 gennaio scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell'area gli agenti hanno trovato 65 cambi di diverse auto (Fiat, Opel, Nissan, Ford, Toyota, Renault, Audi, Citroen, Alfa Romeo, Mercedes), sette motori (Audi, Fiat, Opel, Toyota, Ford)- cinque dei quali con il numero di matricola cancellato - e centinaia di montanti con disco ed alberi di trasmissione. Le indagini proseguono per poter abbinare tutti i pezzi sequestrati alle vetture e poter quantificare il numero di auto ricettate, che ad oggi è di 43, 37 delle quali rubate a Catania, cinque a Siracusa ed una a Bari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento