La stanza è affollata dai parenti, scoppia rissa al Garibaldi tra due famiglie

Una vera e propria spedizione punitiva, piombando all’interno della stanza di degenza e aggredendo uno dei parenti con la fibbia della cintura a mo’ di “tirapugni”

Lo scorso 27 febbraio, all'interno dell'ospedale Garibaldi, l’agente di polizia in servizio presso il posto fisso del nosocomio, è intervenuta a seguito di una violenta rissa che si stava verificando all’interno del reparto di Medicina e Chirurgia - Accettazione Urgenza tra alcuni parenti dei ricoverati.

Grazie all’analisi delle immagini di video sorveglianza, sono stati denunciati in stato di libertà: C.M. del 1965, R.A. del 1957, ivi residente e B.A. del 1992, quest’ultimi, rispettivamente, madre e figlio, responsabili del reato di rissa. Nella stessa circostanza sono stati indagati, altresì, per lesioni aggravate in concorso, e resistenza a Pubblico Ufficiale: B.F. del 1956 e B.S. del 1984, rispettivamente padre e figlio.

L’attività investigativa condotta, ha permesso di accertare che tra i protagonisti dell’episodio già il giorno precedente vi erano state discussioni a causa della presenza nella stanza di una moltitudine di persone, circostanza non gradita da uno dei parenti del ricoverato.

In data 27, la discussione degenerava in una violenta rissa tra i componenti dei due nuclei familiari, cominciata all’esterno del padiglione e proseguita poi nel predetto reparto.

Infatti, dopo il primo “round” B.F. e B.S., ponevano in essere una vera e propria spedizione punitiva, piombando all’interno della stanza di degenza aggredendo C.M. utilizzando una cintura con una grossa fibbia a mo’ di “tirapugni”, causandogli lesioni al setto nasale guaribili in 30 giorni 30.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Opponevano resistenza all’agente del posto di Polizia prontamente intervenuto riuscendo a divincolarsi, ma nonostante ciò sono stati  identificati, grazie anche all’intervento delle Volanti giunte sul posto in ausilio. Gli altri “protagonisti” della vicenda hanno riportato lesioni guaribili in 5 giorni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento