menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rubava il telefonino a donne e bambini: denunciato

L'uomo aveva "puntato" un bambino di 11 anni col cellulare in mano, all’interno di una nota panineria del centro storico

E' il pregiudicato catanese Z.M., di 42 anni il protagonista di una storia che gli investigatori hanno definito "ignobile" anche per le conseguenze ben più gravi che avrebbero potuto verificarsi ai danni delle vittime. L'uomo aveva "puntato" un bambino di 11 anni col cellulare in mano, all’interno di una nota panineria del centro storico. Il bambino è stato circuito con la scusa della partecipazione a una promozione che lo avrebbe premiato con un panino, ma non appena il malfattore si è trovato in possesso dell’apparecchio, si è immediatamente allontanato dal negozio. Il genitore del bambino, che si trovava fuori dal locale per attendere il figlio, non si era accorto di nulla, senonché, trascorso un lasso di tempo, preoccupandosi del fatto che il piccolo non usciva ancora dal locale, entrando, si è accorto che il figlio si era allontanato. Immediatamente, grazie alle segnalazioni giunte al 112 NUE, sono scattate le ricerche del bambino che è stato individuato da una Volante in via Sangiuliano. Raggiunto dal padre, il piccolo ha raccontato la sua disavventura, aggiungendo di aver intrapreso l’inseguimento del ladro per cercare di recuperare il cellulare, intento non riuscito perché il ladro si era allontanato a bordo di un’auto guidata da un complice.

Le indagini, svolte dalla Squadra di polizia giudiziaria del Commissariato Centrale, si sono avvalse delle immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza installate nella zona, mettendo a fuoco il volto dell’individuo, la cui identità era, però, al momento sconosciuta. A mettere nei guai il “prode” è stata una successiva sua incursione, questa volta ai danni di una signora alla quale ha sottratto ancora una volta il telefonino, mentre si trovava in via Etnea. Anche questa volta, le immagini della videosorveglianza hanno ritratto il malfattore che, agli occhi degli investigatori della polizia, era ormai divenuto “seriale”. I poliziotti lo hanno incrociato e bloccato in piazza Giovanni XXIII. Gli agenti del Commissariato Centrale lo hanno condotto nei loro Uffici, dove è stato denunciato all’Autorità giudiziaria in stato di libertà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Fitness

Padel mania: benefici e controindicazioni

Ristrutturare

Muro portante - Come abbatterlo in sicurezza

Sicurezza

Cucina senza cattivi odori? I rimedi naturali

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento