Rapinatore seriale di banche condannato ad 8 anni di carcere

Tra i colpi messi a segno spicca quello ai danni della filiale di Grosseto della Banca Etruria che fruttò un bottino di circa 300 mila euro

Il pregiudicato Sebastiano Chiarenza, di 53 anni, è stato condannato dal tribunale di Cassino per danneggiamento, furto aggravato e rapina aggravata. La polizia lo ha quindi rintracciato e condotto presso il carcere di piazza Lanza.

Il provvedimento a suo carico è stato emesso dal tribunale di Cassino che ne ha disposto la reclusione per 8 anni e 4 mesi ed il pagamento di una pena pecuniaria, avendolo ritenuto responsabile di diverse rapine in banca perpetrate nel Lazio e in Toscana, insieme ad altri complici, tra il 2008 e il 2011. Tra i colpi messi a segno da questa banda di "pendolari del crimine" spicca quello ai danni della filiale di Grosseto della Banca Etruria che fruttò un bottino di circa 300 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento