Il delfino Sandy torna a casa dopo 20 anni, grande commozione

Con l'incredulità di tutti, dalle acque calme del golfo emerge Sandy, questo il nome che era stato dato a quello splendido animale di 4 metri della specie Tursiope che non era stato più avvistato da circa vent'anni

È gioia e commozione pura l'espressione nel volto della biologa marina Dott.ssa Clara Monaco. Con il team di MareCamp, associazione che si occupa di attività sportive e marinaresche nel golfo di Catania, oggi, durante un’uscita con alcuni turisti per il “Dolphin Watching”, attività primaria e fiore all'occhiello dell'associazione capitanata da Dario Garofalo, la Dott.ssa Monaco avvista e riconosce la pinna di un delfino che tanto aveva visto e studiato durante le sue prime ricerche con l'Università.

Da anni, durante le uscite in mare, aveva sperato di avvistare una di quelle pinne fotoidentificate che raccoglieva in schede mostrandole a tirocinanti e turisti prima di ogni partenza. Le pinne dei delfini sono come impronte digitali, esaminandone il profilo e la presenza di tacche, cicatrici e depigmentazioni, è possibile identificare i singoli individui. Così con immensa gioia e l'incredulità di tutti, dalle acque calme del golfo emerge Sandy, questo il nome che era stato dato a quello splendido animale di 4 metri della specie Tursiope che non era stato più avvistato da circa vent'anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È una grandissima soddisfazione per il team di Marecamp, che da anni ormai attraverso percorsi sportivi e di educazione ambientale per le giovani generazioni, mira allo sviluppo di una coscienza collettiva basata sul rispetto del mare. "Ci riempie d'orgoglio pensare che, anche se in minima parte, contribuiamo affinché le condizioni del nostro mare migliorino, permettendo così a molte specie di fare ritorno nelle nostre acque". A dirlo è Dario Garofalo che con la sua associazione ha avviato il progetto “Dolphin Watching & Conservation in the Gulf of Catania”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • La barca a vela più grande del mondo nelle acque di Catania

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento