Sciopero bus indetto da Faisa-Cisal, Amt: "Comportamento forviante e strumentale"

I vertici dell'azienda municipale trasporti replicano al sindacato che ha indetto uno sciopero per lunedì 10 dicembre

I vertici dell'Amt replicano al sindacato Faisa-Cisal che ha indetto uno sciopero dei dipendenti per lunedì 10 dicembre. 

"Le motivazioni alla base della protesta, - scrive Amt in una nota ufficiale - pare sia la necessità di tenere un incontro con il comune di Catania, in qualità di socio unico dell’azienda. Di contro, la stessa organizzazione ha circolato all’interno dell’azienda motivazioni completamente diverse da quelle rese pubblicamente note a mezzo stampa, che attengono invece ad argomenti regolamentati dalle norme contrattuali e da accordi di secondo livello, tutti sottoscritti anche dalla stessa Faisa-Cisal. Per questo stigmatizziamo tale condotta, trattandosi di un comportamento fuorviante e strumentale (peraltro isolato rispetto alle determinazioni delle altre 6 sigle sindacali presenti in azienda), tendente evidentemente a mascherare i reali motivi dello sciopero, che appaiono contradditori ed estranei alle effettive problematiche aziendali"

"Abbiamo provveduto -conclude Amt - ha già provveduto a segnalare tale circostanza alla Commissione di Garanzia sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali ed alla Prefettura di Catania per le necessarie ed opportune determinazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento