Sfruttava la moglie prostituta e percepiva reddito cittadinanza, arrestato

I carabinieri del nucleo radiomobile del comando provinciale di Catania hanno arrestato un catanese di 39 anni, poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, reati commessi in danno della moglie di anni 42

I carabinieri del nucleo radiomobile del comando provinciale di Catania hanno arrestato un catanese di 39 anni, poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, reati commessi in danno della moglie di anni 42. L’uomo, da circa due anni, si era sposato con una equadoregna nella piena consapevolezza che la donna esercitasse il mestiere più antico del mondo.

Disoccupato e percettore di reddito di cittadinanza, ha continuato a farsi mantenere (rubandole a volte anche del denaro) abitando in una casa presa in affitto con il denaro della moglie la quale, come ringraziamento, ha dovuto subire ogni sorta di vessazione. L’ultimo episodio l’altra notte quando, senza alcuna ragione plausibile e dopo averla apostrofata con un epiteto irripetibile, l’ha minacciata di morte recitando testualmente "u domani non monti perché ti brucio tutto!", per poi aggredirla.

Circostanza che ha costretto la vittima a chiedere aiuto tramite il 112 ai carabinieri che giunti sul posto hanno avuto non poche difficoltà a bloccare l’aggressore che, pur in presenza dei militari, ha lanciato l’ennesima minaccia: "Anche se mi arrestano, appena esco vengo e ti rompo tutta, tanto tu sei una …..... da quattro soldi!".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’arrestato, inizialmente associato al carcere di Catania Piazza Lanza, all’esito dell’interrogatorio del GIP è tornato in libertà ma sottoposto alle seguenti misure cautelari: obbligo di allontanarsi dalla casa coniugale, divieto di avvicinamento e comunicazione con la parte offesa, nonché obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento