Sequestrato distributore abusivo di gasolio per camionisti ad Acireale

Circa 200mila litri di carburante erano nascosti in cisterne interrate e in grossi recipienti di plastica in un parcheggio ad Acireale. Sono state rinvenute anche numerose pompe di aspirazione e pistole erogatrici di carburante munite di conta-litri

Un parcheggio, un autolavaggio, un capannone industriale abbandonato: erano queste le tre aree adibite da otto contrabbandieri a vere e proprie stazioni di servizio abusive. Durante un recente servizio di ispezione, i militari del Nucleo di Polizia Tributaria, insospettiti dal continuo via vai di camion all’interno di un parcheggio di Acireale, decidevano di appostarsi in prossimità dell’area, dove veniva individuato un soggetto arrestato solo pochi giorni prima proprio per contrabbando di gasolio. Seguendo i movimenti dell’uomo veniva così scoperto un capannone industriale al cui interno alcune persone erano intente al travaso di carburante da serbatoi posti su un camion a cisterne.

Le conseguenti perquisizioni consentivano di individuare, occultato in cisterne interrate e in grossi recipienti di plastica, 200.000 litri di carburante di cui non veniva in alcun modo giustificata la presenza. Oltre all’ingente partita di prodotto, sono state rinvenute numerose pompe di aspirazione e pistole erogatrici di carburante munite di conta-litri le quali, già collegate a cisterne, permettevano il rifornimento di camion e automobili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento