Autodemolizione abusiva sequestrata dai carabinieri a Caltagirone

Un 51enne del luogo aveva creato un centro di rottamazione e raccolta veicoli senza nessuna autorizzazione, accatastando anche rifiuti pericolosi

Un’area di circa 2.500 metri quadri posta in contrada Piano Peri, a Caltagirone, è stata posta sotto sequestro dai carabinieri del nucleo operativo ecologico. Un 51enne del luogo aveva creato un centro di rottamazione e raccolta veicoli senza nessuna autorizzazione, accatastando anche rifiuti pericolosi nel fondo rurale.

Nello sfascio abusivo c'era una sorta di capannone, all’interno del quale sono stati rinvenuti centinaia di pezzi meccanici e di componenti provenienti dalla rottamazione di decine di veicoli. Sulla stessa zona sono state ritrovate di carcasse di autovetture, motori, batterie, oli, materiali inquinanti e rifiuti pericolosi come bombole e frigoriferi dismessi di ogni specie.

Comunicazione del sequestro preventivo dell’area è stata inviata anche al Comune di Caltagirone per ottenere la bonifica dell’area a carico del responsabile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento