menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sgomberato e ripulito il mercato delle pulci di San Giuseppe La Rena

L’area nei pressi dell’ex mercato ortofrutticolo, dopo essere stata totalmente liberata dai venditori abusivi, è stata oggetto di un intervento di pulizia

Una massiccia e improvvisa operazione della polizia municipale a San Giuseppe La Rena nei confronti di circa duecento operatori commerciali abusivi che avevano appena occupato con le merci, strada e marciapiedi, ha impedito che si allestisse un vero e proprio mercatino delle pulci non autorizzato. L’intervento di otto pattuglie dei reparti polizia commerciale e viabilità, coordinati dai rispettivi ufficiali, Oliva e Morsellino, ha consentito di liberare l’area occupata e ripristinare la legalità, sequestrando ingenti quantitativi di merce e irrogando sanzioni agli abusivi, con episodi di resistenza e momenti di tensione. L’area nei pressi dell’ex mercato ortofrutticolo, dopo essere stata totalmente liberata dai venditori abusivi, è stata oggetto di un intervento di pulizia da parte degli operatori ed è ancora presidiata con l’ausilio di altre forze dell’ordine.

“Non si può tollerare - ha detto il sindaco Salvo Pogliese – che si violino le regole più elementari della convivenza civile, tanto più in un momento emergenziale. Si illude chi pensa di poterla fare franca. Agiamo come sempre d’intesa con il prefetto e il questore perché non si possono tollerare atti di spregiudicata sopraffazione facendo tanto danno fanno anche in termini economici e di decoro urbano alla nostra città. Sia chiaro a tutti che la municipale assicurerà anche nelle prossime settimane, se necessario anche con le altre forze dell’ordine, i servizi di controllo dell’area e le conseguenti attività di repressione delle condotte illegali, al fine di riqualificare la zona e consentire ai residenti la piena fruibilità degli spazi pubblici”. Nel corso dell’operazione, condotta alla presenza del Capo di Gabinetto del Sindaco Giuseppe Ferraro e del Comandante del Corpo Stefano Sorbino, sono stati posti sotto sequestro ingenti quantitativi di merce: 10 caschi da moto, 7 valigie, 1 televisore al plasma, 1 stampante, 150 cd e dvd, 40 porta lampade, 10 cinture, 1 computer, 4 orologi da polso, 1 pianola, 1 chitarra, 2 trapani elettrici, 2 impianti stereo, 56 vasi di vetro, 10 quadri, 50 libri, 5 confezioni di bicchieri. Molti operatori abusivi, all’arrivo delle pattuglie, si sono dati a precipitosa fuga, abbandonando la merce esposta. Un operatore abusivo che ha reagito violentemente ai controlli, è stato deferito all’autorità giudiziaria per resistenza, oltraggio e violenza a pubblico ufficiale. Altri tre operatori sono stati sanzionati ai sensi della normativa anti Coronavirus, con un verbale amministrativo di 400 euro per mancato utilizzo della mascherina protettiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Nuovo furto alla "Campanella Sturzo" di Librino: è il quarto in due mesi

  • Cronaca

    Trasporta in un suv 7 chili di marijuana "skunk": arrestato

  • Cronaca

    Smantellate piazze di spaccio tra Ragusa, Catania ed Agrigento

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento