Sgomberato il palazzo Bernini senza avviso: la denuncia del collettivo Aleph

Dal 17 al 23 luglio scorso, le 150 persone, tra cui 60 bambini, sono ste buttate fuori, murando gli accessi al palazzo. Nessuna soluzione abitativa alternativa è stata proposta dal comune

Il famoso e fatiscente palazzo Bernini - al centro di Catania- è stato sgomberato. Era diventato, infatti, la casa per famiglie di bulgari e romeni. In tutto 150 persone che, senza alcun avviso formale, si sono ritrovate senza un tetto.

Il collettivo Aleph ha testimoniato tutte le fasi di questo sgombero. In una settimana, dal 17 al 23 luglio scorso, le 150 persone, tra cui 60 bambini, sono ste buttate fuori, murando gli accessi al palazzo. Nessuna soluzione abitativa alternativa è stata proposta dal comune. Oggi, la maggior parte di loro sono tutti per la strada. Alcuni si trovano nelle baraccopoli di corso dei Martiri, altri sono rimasti sotto i portici del Bernini. A 27 persone era stato promesso che avrebbero pagato il biglietto di ritorno nel proprio paese ma questo è avvenuto solo per sei persone.

Il questi mesi, infatti, contro gli occupanti del palazzo erano state raccolte circa mille firme. Alla petizione si sono aggiunti anche nell’ultimo periodo pure gli interventi di vari politici di turno di Pd, Mpa e Pdl.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento