rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

C'è l'ordinanza di Speranza, la Sicilia in zona arancione: ma per i vaccinati non cambia nulla

L'Isola ha sforato tutti e tre i parametri che determinano il cambio di colore: incidenza, ricoveri ordinari e terapie intensive. Nessuna variazione di rilievo per i possessori di super green pass, restrizioni in arrivo invece per i circa 560 mila che hanno deciso di non immunizzarsi

Come già anticipato da giorni la Sicilia da lunedì diventerà zona arancione. L'Isola infatti ha sforato tutti e tre i parametri che determinano il cambio di colore: nell'ultima settimana l'incidenza è stata di 1.169,4 nuovi casi su centomila abitanti (soglia di 250), l'occupazione dei reparti ordinari è salita al 36,6% (il tetto è il 30), quella delle terapie intensive al 20,2 (tetto del 20%). Ma se per chi possiede il super green pass (i vaccinati) non cambia nulla, maggiori restrizioni arriveranno invece per i non vaccinati che non potranno spostarsi dal proprio comune se non per comprovate esigenze di lavoro, necessità o salute. E in Sicilia sono circa 560 mila.

Quattro nuove regioni in zona arancione

Sono quattro dunque le Regioni che superano le soglie dei parametri che aprono al passaggio dalla zona gialla a quella arancione: Abruzzo, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Sicilia. La Valle d'Aosta evita la zona rossa. Puglia e Sardegna vanno in giallo. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, alla luce dei dati del monitoraggio settimanale, ha firmato la nuova ordinanza.

Sicilia in arancione, cosa cambia

Se non vi è ormai più differenza tra zona gialla e bianca, in zona arancione e in zona rossa che le cose cambiano sul serio. Con il nuovo decreto-legge del 29 dicembre dal 10 gennaio si applica anche alla zona bianca e gialla l’obbligo di super green pass per accesso alla stragrande maggioranza delle attività, tranne in due specifici casi: l’accesso ai negozi presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (esclusi alimentari, edicole, librerie, farmacie e tabacchi) e l'accesso agli spogliatoi.

In zona arancione però gli spostamenti dal proprio comune con oltre 5 mila abitanti con mezzo proprio verso altri comuni o fuori dai confini di Regione/PA richiedono green pass semplice, oppure motivi di lavoro, necessità, salute, o per servizi non sospesi ma non disponibili nel proprio comune. Invece non vi è alcun limite di spostamento in zona gialla.

Ricordiamo che dal primo febbraio scatterà la normativa introdotta dall'ultimo decreto green pass il 5 gennaio scorso che - stabilendo l'obbligo vaccinale per gli over 50 - ha dettagliato anche dove non sarà richiesto il super green pass e le poche attività esentate dal richiedere anche il green pass base all'accesso.  

Per il presidente della Regione Musumeci "la logica se colori è superata. La zona arancione non comporta alcuna limitazione sostanziale. Spiace constatare che la maggior parte dei posti nelle  terapie intensive è occupata da no vax".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'è l'ordinanza di Speranza, la Sicilia in zona arancione: ma per i vaccinati non cambia nulla

CataniaToday è in caricamento